Anomalie nel passaporto biologico di Stannard. Il Tribunale antidoping lo accusa e lo sospende per 4 anni

Stannard
Robert Stannard al Piccolo Giro di Lombardia del 2018 in maglia Mitchelton-Scott (foto: Giorgio Torre)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Robert Stannard, uno dei corridori che non ha trovato un contratto per il 2024, è stato accusato di aver usato sostanze vietate o aver usato metodi proibiti da parte del Tribunale antidoping dell’UCI. Hanno trovato delle anomalie nel suo passaporto biologico del 2018 e per questo è stata disposta una sospensione di quattro anni e il pagamento di un’ammenda pari al 70% del compenso percepito tra il 2018 e il 2019. La sospensione è decorsa dal 17 agosto 2018, «cioè il giorno della comparsa della prima anomalia, tenendo conto conto del ritardo con cui le anomalie del corridore sono state comunicate all’UCI», come si legge nel comunicato dell’UCI. La decisione può essere impugnata da Stannard stesso dinanzi al Tribunale Arbitrale dello Sport (CAS) entro un mese.