Assos GTO NS DermaSensor: il test del top tra le maglie intime del marchio elvetico

Tempo di lettura: 5 minuti

Se ci fermassimo a una sterile valutazione che abbina il peso e il prezzo potremmo dire che questo è il capo che costa di più nella linea Assos: 170 euro per una maglia intima da soli 71 grammi, e per di più anche con taglio “smanicato”. Vi sembra plausibile?

Sì, perché qui non è in gioco solo la griffe del marchio in questione: ricordiamoci, infatti, che i tessuti destinati a mediare il contatto tra pelle e maglia sono quelli in possesso della tecnologia più elevata, sia nel senso tessile (dei materiali impiegati), sia in quello tecnico (del taglio e della architettura delle cuciture coinvolte). 

La maglia intima in oggetto si chiama GTO NS Dermasensor e noi che abbiamo avuto la fortuna di provarla a lungo vi possiamo dire delle grandi qualità pratiche e funzionali di questo capo così importante nel vestiario ciclistico: qualità, che appunto risultano dalle caratteristiche tecniche di vertice. Vi andiamo a dire di entrambe.

Filato tessuto direttamente nella stoffa

Prima di tutto la “materia prima”: a dare forma agli intimi della famiglia DermaSensor (perché oltre a questo smanicato estivo c’è anche un intimo a manica lunga per le mezze stagioni) è un filato tridimensionale in cui il motivo con microfessure viene tessuto direttamente nella stoffa, anziché essere disegnato o stampato. 

In pratica, in questo caso non abbiamo pannelli già fatti che vengono successivamente assembrati sul cucito, ma un tessuto prodotto come capo singolo. 

A livello di terminologia tecnica quello di DermaSensor è un tessuto in jaquard; a livello pratico questo è il principale motivo che gli garantisce grande morbidezza al contatto con la pelle, traspirabilità elevata, elasticità, indemagliabilità e anche ottima resistenza agli odori. 

Vi diciamo subito che la sensazione ad avere il DermSensor addosso è appunto quella di un tessuto di incredibile freschezza. E questo nonostante il suo spessore non sia dei più sottili (e di conseguenza il peso complessivo del capo non sia superlight, con 71 grammi per la taglia S testata). 

Cuciture? No, grazie

Solo dodici centimetri: è la lunghezza complessiva delle cuciture dell’intimo GTO NS DermaSensor che abbiamo testato e risultano dalle sole due porzioni che collegano le spalline. 

Sì, perché su tutta la porzione del busto non c’è cucitura alcuna, né soluzione di continuità nel tessuto. La Seamless Construction elimina appunto le giunzioni, e con queste evita la possibilità di sfregamenti o sormonti di materiale sia a contatto diretto con la pelle ma anche a contatto con la maglia superiore, rispetto alla quale DermaSensor non andrà a interferire mai, mai a incastrarsi o creare pericolose pieghe. 

In pratica è come avere un “guanto” che ti fascia perfettamente il busto, quasi te lo accarezza, ma facendolo con la giusta compressione che fa al caso di un capo dove la massima aderenza sul corpo è essenziale. 

A corredare il tutto c’è poi una parte del fondo vita e un margine anteriore e posteriore del collo strutturate con tecnologia Raw Cut: è in pratica in bordo a taglio vivo, anche questo pensato per “copiare” perfettamente la pelle. Il bordo della porzione smanicata, invece, è a sua volta privo di cuciture, presenta soltanto sottilissimi risvolti incollati che danno comfort, che riducono gli spessori e al tempo stesso garantiscono tenuta e stabilizzazione.

Vestibilità per tutti i gusti

Posto che le caratteristiche di elasticità e indemagliabilità del tessuto DermaSensor gli consentono una adattabilità e una vestibilità estreme a prescindere dalle caratteristiche corporee e dallo stile di seduta (ovvero stile “race” più abbassato e stile “comfort”, più eretto), il taglio con cui è progettato GTO NS DermaSensor e un regular Fit, che in Casa Assos contraddistingue un fitting per tutti i livelli di pratica, per tutti gli stili e per tutte le percorrenze, dalle sprint race ai grandi raid. GTO NS DermaSensor è insomma un intimo ad ampio spettro.

Traspirazione e espulsione del sudore

Oltre alle caratteristiche intrinseche del filato è la stessa costruzione 3D del DermaSensor ad assicurargli la massima areazione possibile; a beneficio di quest’ultima ci sono anche micro aperture che facilitano il circolo d’aria e che favoriscono anche queste l’espulsione del sudore. Quale il nostro feedback a riguardo? Ripetiamo che la sensazione di freschezza è eccellente, è sostenuta da grande capacità di far circolare l’aria tra pelle e tessuto e anche da una asciugatura rapida del sudore eventualmente accumulato sul tessuto durante la salita. Precisiamo che esistono maglie intime caratterizzate da tempi di asciugatura ancor più rapidi – ad esempio lo stesso Superleger di Assos -, ma diversamente da quest’ultimo qui in gioco ci sono spessori del tessuto maggiori e c’è una maggiore consistenza che significa anche maggiore resistenza e durevolezza nel tempo: tutto questo però avviene senza mai pregiudicare la facilità nel far circolare l’aria nelle due direzioni.

Per quali temperature?

Per quali condizioni climatiche reputiamo adatto il GTO NS DermaSensor? Forse faremmo prima a dire “per quali non è adatto”; in questo caso diremmo per tutte le condizioni torride in cui non vale la pena indossare l’intimo e vestirsi solo con la maglia tenuta a pelle. 

In realtà, sempre per restare in ambito di temperature elevate, qui ad essere alleato è anche il taglio smanicato, elemento in più in grado di rendere funzionale, pratico e logico indossare sempre questo capo, se non altro perché anche con la canicola non è mai sbagliato avere una barriera che protegga il busto in discesa, magari dopo aver affrontato una lunga salita con la zip della maglia tutta aperta.

Taglie e prezzo

GTO NS DermaSensor è disponibile nelle tre misure 0, I e II (che indicativamente corrispondono alla S, M, L) ed ha un costo di 170 euro.

Ulteriori informazioni: Assos