Thomas: «Potrei provare a fare classifica ancora una volta»

Thomas
Geraint Thomas al Giro di Polonia 2023 (foto: SprintCyclingAgency)
Tempo di lettura: 2 minuti

È tempo di bilanci per Geraint Thomas. Il capitano della Ineos Grenadiers torna a casa da questo Giro d’Italia 2024 con un ottimo terzo posto in classifica generale, secondo podio consecutivo alla Corsa Rosa dopo la piazza d’onore dell’anno scorso dietro a Primoz Roglic. Il gallese è arrivato alle spalle di un ingiocabile (per chiunque) Tadej Pogacar e dell’ex compagno di squadra Dani Martinez, ma a 38 anni ha dimostrato di poter ancora essere competitivo ad alti livelli.

Thomas ha ancora un anno di contratto con la Ineos prima di un probabile ritiro alla fine del 2025, ma dopo aver conquistato il quinto podio della carriera in un Grande Giro c’è la possibilità che possa tornare a provarci, un’ultima volta. «Ho detto a molte persone che questa sarebbe stata l’ultimo tentativo di correre per la classifica generale, ma aspettate una settimana e probabilmente inizierò a pensare a qualcos’altro. Non lo so. Adesso mi riposerò, andrò al Tour, aiuterò i ragazzi lì e proverò a vincere una tappa. Poi valuterò», ha detto ai giornalisti con il Colosseo di Roma sullo sfondo.

Al Tour de France, “Mister G” correrà come gregario di lusso di Carlos Rodríguez e Tom Pidcock. Sarà la prima partecipazione consecutiva a Giro e Tour. «In realtà non vedo l’ora. È una grande sfida. Abbiamo una grande squadra giovane e non vedo l’ora di farlo», ha detto Thomas che, intanto, è soddisfatto di questa Corsa Rosa. «Sono arrivato terzo quest’anno e probabilmente sono un po’ più felice rispetto al secondo, proprio per come è andata. Penso che entrambe le volte sono stato orgoglioso di come io e la squadra abbiamo fatto il meglio che potevamo. Siamo stati battuti da Pogacar, che è a un livello diverso, mentre Dani ha corso in maniera più costante ed è stato migliore sulle tre settimane. Possiamo essere felici e orgogliosi di come ci siamo impegnati e abbiamo fatto del nostro meglio» conclude il veterano della Ineos.