Giro d’Italia, Pellizzari: «Voglio lasciare un segno, ho ancora due tappe per farlo»

Giulio Pellizzari firma autografi al Giro d'Italia 2024 (foto: @giroditalia)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Ieri secondo all’arrivo, oggi primo alla Cima Coppi di Passo Sella e al Gpm di Passo Rolle. Almeno Giulio Pellizzari è riuscito, in un modo o nell’altro, a salire sul podio. E per di più davanti alla sua Andrea. Anche oggi il marchigiano della VF Group-Bardiani CSF-Faizanè non si è nascosto: essere il più piccolo al Giro d’Italia è solo una questione anagrafica, Pellizzari ne è la prova.

«La Cima Coppi l’ho presa un po’ da lontano – spiega dopo l’arrivo ricordando quando qualche ora prima si è dovuto controllare quasi al fotofinish prima di attribuire a lui la vittoria su Nairo Quintana – Mi è andata bene alla fine, ero partito troppo forte. Finora, tutto sommato, è stato un bel Giro d’Italia. Mancano ancora due tappe impegnative e cercherò di farmi trovare pronto. Voglio sicuramente ancora provare a lasciare un segno».

Le tappe a cui fa riferimento Giulio Pellizzari sono la 19 con arrivo a Sappada e la 20 di Bassano del Grappa con la doppia ascesa al Monte Grappa. Due occasioni adattissime alle sue caratteristiche.