Giro d’Italia, Fortunato: «Attaccherò nell’ultima settimana. Pogacar imbattibile? Si sapeva»

Lorenzo Fortunato ha perso due posizioni in classifica generale con la tappa di Livigno
Tempo di lettura: < 1 minuto

Lorenzo Fortunato, che in carriera ha trionfato sullo Zoncolan, di salite dure se ne intende, e certamente oggi non si può dire che le salite siano mancate. All’arrivo del Mottolino il bolognese è ventesimo, e perde due posizioni in classifica.

Lorenzo, una delle tappe più impegnative della tua carriera.

«Ma anche una delle più belle, sicuramente. Ho solo un po’ pagato nel finale e ci può stare, ma da domani si pensa subito alla terza settimana».

Come si gestiscono gli sforzi in una tappa del genere?

«Non sono permessi errori: bisogna mangiare al momento giusto, bere al momento giusto, insomma stare sul pezzo dal primo all’ultimo chilometro».

Pogacar è sembrato imbattibile anche oggi.

«Ma quello si sapeva fin da prima della partenza, ora sta semplicemente dimostrando nel concreto quello che era ovvio fin da subito».

Quali sono i tuoi piani per l’ultima settimana?

«Proverò a attaccare e magari anticipare questa UAE, che sta dominando la corsa. Vediamo, ci sono tante tappe impegnative».