Giro d’Italia, 15ª tappa Manerba del Garda-Livigno: percorso, favoriti e dove vederla in TV

Giro d'Italia
Livigno ospita l'arrivo della 15ª tappa del Giro d'Italia 2024
Tempo di lettura: 3 minuti

Era impossibile che la cronometro non avrebbe modificato assolutamente nulla nella classifica generale del Giro d’Italia. Infatti Martinez è sceso dalla seconda alla terza posizione, Arensman è balzato dalla decima alla sesta e Pogacar ha 3’41” (non più 2’40”) di vantaggio. E ora inizia un altro Giro d’Italia, altimetricamente parlando. Ecco i dettagli dell’attesa tappa di Livigno.

Percorso

Dopo il via da Manerba del Garda si affronteranno 222 chilometri e 5724 metri di dislivello prima di arrivare a Livigno, in località Mottolino. Il lago si saluterà subito perché ci si dirigerà verso Lodrino, che sarà il primo Gpm (7,7 chilometri al 4,4%). Dopo la discesa sarà già ora di risalire di nuovo, questa volta per 13,9 chilometri al 6,6% con picchi del 14% fino al Colle San Zeno. Una volta scesi, i corridori si troveranno a Pisogne e poi passeranno a Boario Terme, Capo di Ponte e Malonno per lo sprint intermedio.

Dopo Edolo si prenderà il bivio per Monno e lì comincerà la salita del Passo del Mortirolo: 12,6 chilometri al 7,6% con punte al 16%.Al termine della discesa si attraverserà Grosio, Sondalo-Bolladore, Le Prese e Cepina-Valdisotto, non senza salire. A Le Motte, pochi chilometri dopo, ci sarà un traguardo volante posto dopo 3,1 chilometri al 7,5%. Da Isolaccia-Valdidentro, in corrispondenza del traguardo Intergiro, comincerà ufficialmente la salita che porterà a Livigno, dopo il Passo di Foscagno (Gpm di prima categoria di 15 chilometri al 6,4% con pendenze massime dell’11%). Ma il peggio dovrà ancora arrivare. Gli ultimi 4,7 chilometri sono al 7,7% e in alcuni punti le pendenze sfiorano il 20%. La pendenza cambia drasticamente a 2 chilometri dall’arrivo, dopo il Passo di Eira, dove la pendenza media resta superiore al 10% benché la strada presenti rampe ripide intervallate da brevi tratti meno pendenti. Nell’ultimo chilometri la rampa finale presenta pendenze fino al 19% seguite da un breve allentamento della pendenza e da un ulteriore “scalino” che porta alla retta finale di 50 metri.

Favoriti

Pogacar. Okay ora vediamo chi può arrivare secondo. A parte ironizzare sull’indiscussa forza di Tadej Extraterrestre Pogacar, chi sa mai se qualcuno lo può sorprendere? Ricordate il 22 maggio 2021? Forse detta così non vi viene in mente nulla, ma è il giorno in cui Lorenzo Fortunato ha vinto sul Monte Zoncolan. Una vittoria che rimarrà nella storia e che anzi va oltre alla vittoria: fu un’impresa ottenuta tra giganti. Quello infatti era l’anno del Giro vinto da Bernal e correva anche un certo Vincenzo Nibali. Che il piccolo corridore dell’Astana voglia ripetersi a Livigno?

Altro nome che ci piace fare: Antonio Tiberi. Oggi deve volare su quella salita, senza la paura di essere braccato da Pogacar perché tanto se scatta lo riprende, ma che gusto c’è se nemmeno ci prova? La paura in questo Giro non gli è mai passata nemmeno davanti agli occhi e, parole della stessa maglia rosa, è l’unico che «ha dimostrato di avere le palle». E poi potrebbe raggiungere l’ambito podio, a 22 anni.

Che facciamo, li lanciamo Giulio Pellizzari e Davide Piganzoli? Le nostre scommesse le citiamo insieme a un solido ragazzo sulle salite, che ieri ha fatto una crono da non buttare, e che zitto zitto si è ritrovato in top10: Filippo Zana. Oltre agli italiani si può pensare a Ben O’Connor oppure a Juanpe Lopez. Insomma, i nomi non mancano e nemmeno lo spettacolo mancherà. Ma noi tifiamo per gli azzurri.

Dove vedere il Giro d’Italia in TV

La quindicesima tappa del Giro d’Italia 2024 sarà trasmessa integralmente sui canali Rai e su Eurosport 1 a partire dalle 10.15. Su Rai Sport andrà in onda Giro Mattina a partire dalle 09.50 e trasmetterà lì la corsa fino alle 14.00 quando continuerà su Rai 2.