Giro Next Gen, al posto dell’Interregionale ci sarà una selezione azzurra guidata da Amadori e Scirea

Giro Next Gen
Tempo di lettura: < 1 minuto

In attesa di conoscere chi sono le squadre invitate ed escluse da Rcs al Giro Next Gen (che, ricordiamolo, partirà da Aosta il 9 giugno), e dopo i primi malumori della scorsa settimana, s’intravede forse uno spiraglio di luce. Alla corsa rosa degli Under 23, infatti, non dovrebbe esserci più l’Interregionale, una formula mista che non aveva convinto fin da subito soprattutto i direttori sportivi, non disposti ad abbandonare la loro formazione per dieci giorni per seguire soltanto un atleta. Al suo posto, come invocato da molti, verrà allestita una selezione azzurra guidata da Marino Amadori e da Mario Scirea. Manca soltanto l’ufficialità, ma non si capisce perché Rcs non dovrebbe accettare la proposta della Federazione.

I sei corridori che vestiranno la maglia della nazionale non sono stati ancora definiti, probabilmente ai fini di questa decisione sarà fondamentale il prossimo fine settimana di gare tra Castiglion Fiorentino, Gp del Marmo, Monte Urano e San Bernardino.

I due fari dovrebbero essere Manuel Oioli e Raffaele Mosca, della Q36.5 Development Team: la loro partecipazione in azzurro, va da sé, ufficializzerebbe l’assenza del vivaio toscano tra le squadre invitate. Chi altro potrebbe rientrare in questa selezione azzurra? I nomi in ballo sono ancora tanti: Portello, sempre della Q36.5, terzo domenica al Circuito del Porto; Manenti, probabilmente l’Under 23 più affidabile della Hopplà di Provini; Piras della Named, che la scorsa settimana ad Albola ha centrato la prima vittoria tra i dilettanti; Magli, il capitano della Mastromarco, corridore veloce e resistente. Nei prossimi giorni ne sapremo di più.