Giro d’Italia, Baldato: «Difficile frenare Pogacar. Firmerei per due minuti di vantaggio dopo Prati di Tivo» (VIDEO)

Tempo di lettura: < 1 minuto

Ha sfiorato subito il successo a Torino attaccando nel finale. Il giorno dopo ha dominato la scalata al Santuario di Oropa, prendendosi in un colpo solo sia la tappa che la maglia rosa. Quindi, ieri, nella terza frazione, ha allungato in contropiede scatenando la bagarre in prossimità della volata poi vinta da Merlier. Per non parlare della sprint intermedio con abbuono nel quale si è tuffato giungendo secondo. Tadej Pogacar è irresistibile (anche troppo), ma tenerlo a freno sembra impossibile anche per il suo direttore sportivo Fabio Baldato, che dall’ammiraglia lo segue passo dopo passo mettendo nel mirino le prossime tre insidie di questo Giro e cioè il giorno degli sterrati (tappa 6), la crono di Perugia (tappa 7) e la frazione che salirà a Prati di Tivo (tappa 8).

«Tadej è fatto così e questo è il suo bello. L’importante è non prendersi troppi rischi e pensare al bottino finale che non è “solo” quello di vincere il Giro, ma è anche quello di conquistare la maglia gialla del Tour», ripete il diesse della squadra emiratina parlando anche della gestione tattica di una Uae-Emirates sempre più padrona della corsa.

Ma ora premi play e guarda il video dell’intervista realizzata a Fabio Baldato!