Giro d’Italia, i favoriti per la maglia ciclamino: Milan per la doppietta

Milan
Jonathan Milan sul palco delle premiazioni con la maglia ciclamino dopo la sesta tappa del Giro d'Italia 2023 (foto: LaPresse)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Quando Jonathan Milan lo scorso anno fu capace di conquistare la maglia ciclamino del Giro d’Italia, tutti abbiamo pensato al friulano come il nostro velocista di riferimento del futuro. Milan è però qualcosa di più di un velocista: fuoriclasse in pista, ottimo per le classiche e per le crono, e con un buono spunto veloce. Chi vince una maglia così prestigiosa, però, ha fame di altri successi, ecco perché il corridore della Lidl-Trek torna alla corsa rosa con l’obiettivo di tornare a vestire la ciclamino.

Rispetto all’anno passato sarà più difficile ripetere l’impresa, questo guardando la startlist della corsa per quest’anno. I rivali sono agguerritissimi e il nostro Milan dovrà lottare su ogni traguardo per conquistare i punti necessari. La Visma-Lease a Bike si affida a Olav Kooij: 32 successi in carriera a soli 22 anni, sesto alla Gand-Wevelgem, vincitore di tappa all’UAE Tour e alla Parigi-Nizza.

Presente anche Tim Merlier, già vincitore di tappa al Tour de France. Il velocista della Soudal-QuickStep ha a sua disposizione una squadra pensata appositamente per le volate, dove il belga può esprimere tutte le sue qualità. Attenzione anche a Fabio Jakobsen che però, da quando è passato al Team Dsm-Firmenich PostNL, ha vinto una sola volta al Giro di Turchia.

Ma ancora Phil Bauhaus, velocista di una Bahrain-Victorious costruita soprattutto per le salite, che dovrà vedersela principalmente da solo. Kaden Groves dell’Alpecin-Deceuninck potrebbe essere la mina vagante di questo Giro d’Italia, così come Sam Welsford che condividerà la leadership della Bora-hansgrohe con Danny Van Poppel.

Caleb Ewan è invece il leader della Jayco-AlUla, ma sembra molto lontano da quel piccolo sprinter che dominava anni fa. Tra gli italiani attenzione ad Alberto Dainese della Tudor Pro Cycling e chissà, anche Filippo Ganna della Ineos-Grenadiers.