Van Aert, confronto con van der Poel domani alla E3: «Si capiranno subito i rapporti di forza»

van Aert
Wout van Aert
Tempo di lettura: 2 minuti

«Al momento sto bene e durante gli allenamenti è andato tutto secondo i piani, il che mi dà fiducia per il futuro», queste sono le sensazioni espresse da Wout van Aert a Het Laastse Nieuws sulla sua attuale forma fisica. Il fuoriclasse fiammingo della Visma | Lease a Bike, dopo il 3° posto alla Omloop e la vittoria alla Kuurne-Brussel-Kuurne, ha deciso di andare in altura e saltare tutte le corse di inizio marzo (tra cui la Milano-Sanremo) per preparare le prossime due Monumento: Giro delle Fiandre e Parigi-Roubaix.

Prima di questi due appuntamenti, però, Wout van Aert sarà domani alla E3 Saxo Classic (di cui è due volte campione in carica) e mercoledì prossimo alla Dwars door Vlaanderen: «In passato ho dimostrato che raccolgo sempre ottimi risultati quando torno alle corse da un ritiro in altura. Per questo abbiamo osato fare così. In più la E3 Saxo è una gara molto bella, la più dura delle Fiandre dopo la Ronde. La battaglia spesso parte da lontano. Grazie al percorso difficile, che assomiglia a quello del Giro delle Fiandre. Quindi è un buon test in vista del 31».

Van Aert si è espresso anche sul confronto che lo aspetta con Mathieu van der Poel, il primo della stagione su strada dopo quelli in ciclocross: «Sembra stare molto bene. Nella E3 Saxo Classic sarà subito chiaro quali sono i rapporti di forza. Dallo scontro dello scorso anno ho imparato a subire meno la pressione e che non devo farlo per nessun altro se non per me stesso. Questo mi dà pace».

In conclusione Wout ha parlato del programma delle prossime settimane: «Ho lavorato molto duramente per vincere il Fiandre e la Roubaix. Questo mi dà energia per andare avanti. Penso di poterle vincere, quindi aggiungerle nel mio palmarès è un obiettivo molto grande. Ma negli ultimi anni l’ho mancato spesso. A parte qualche critica, questo non cambia molto. Devo farlo per me stesso, non per dimostrare che qualcuno si sbaglia».