Evenepoel contro le tattiche UAE: «Un peccato per tutti»

Evenepoel
Remco Evenepoel in azione al Il Lombardia 2023
Tempo di lettura: < 1 minuto

Remco Evenepoel è apparso soddisfatto dopo la prima tappa di montagna della Parigi-Nizza, ma non fino in fondo. Il campione belga ha qualcosa da ridire sul comportamento in corsa della squadra emiratina: «Le tattiche della UAE erano un po’ strane. Intendo la loro scelta di far correre quei ragazzi (il nuovo leader Plapp e il vincitore di tappa Buitrago, ndr). Se hai ancora quattro corridori in cima alla classifica, puoi ancora far lavorare una persona, giusto? Lo hanno fatto per un po’, ma Jay Vine si è fermato di nuovo poco dopo. È stato un peccato per tutti gli altri nomi da classifica, perché Plapp e Buitrago, due avversari pericolosi, possono andare lontano» ha dichiarato Evenepoel a margine della tappa.

In effetti, ora Plapp e Buitrago godono di un discreto vantaggio in classifica generale, una situazione che secondo il capitano della Soudal Quick-Step era facilmente evitabile: «Buitrago ha 17 secondi di vantaggio su di me, Plapp mezzo minuto. Non è un bel regalo con cui iniziare l’ultimo fine settimana. Sono due bravi corridori, in buona forma. Dobbiamo sederci di nuovo insieme e pensare alla tattica. Non voglio incolpare nessuno, ma è stato un peccato per tutti. Nessuno è contento quando due bravi corridori riescono a prendere quaranta secondi dal nulla» sostiene Evenepoel.