Pineau contro Alaphilippe: «Non sa più andare in bici. Fisicamente è finito»

Alaphilippe
Julian Alaphilippe alla Tirreno-Adriatico 2024 (foto: LaPresse)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Non c’è veramente pace per Julian Alaphilippe. Il francese, attualmente impegnato alla Tirreno-Adriatico, è stato attaccato anche dall’ex corridore ed ex general manager della B&BHotels-KTM Jerome Pineau. Parole che si uniscono a quelle duramente critiche di Patrick Lefevere.

Pineau ha infatti puntato il dito contro Alaphilippe nello show Les Grandes Gueules du Sport di RMC. «È dalla caduta alla Liegi-Bastogne-Liegi, e quindi tre anni, che non mette più un piede davanti all’altro. Semplicemente non c’è più. In ogni gara finisce per terra, addirittura l’anno scorso è stato quasi investito dalla sua stessa ammiraglia alla Freccia del Brabante. Non sa più andare in bici, non è in gioco e fisicamente è finito».

È per questo motivo che Pineau è d’accordo con le parole di Lefevere per quanto riguarda gli eccessi nella sua vita privata. «Quando Patrick parla, non lo fa per niente. Se lo dice è perché sta succedendo qualcosa in squadra. Se ha ucciso Alaphilippe? No, è Alaphilippe ad essersi ucciso da solo. Non ha fatto alcuno sforzo per tornare quello di prima, nonostante lo stipendio molto alto. So cosa sta succedendo».

Pineau continua. «Non è possibile vivere come lui sta vivendo adesso. Ha fatto tanti errori nella vita, nel lavoro e nelle scelte».