Tirreno-Adriatico, oggi la seconda tappa: percorso, favoriti e dove vederla in TV

Seconda tappa
Jasper Philipsen in trionfo sul traguardo della settima e ultima tappa della Tirreno-Adriatico 2023 (foto: LaPresse)
Tempo di lettura: 3 minuti

Dopo la sorprendente vittoria di Juan Ayuso nella cronometro inaugurale, la Tirreno-Adriatico riparte oggi con la sua prima frazione in linea, lunga 198 km, che porterà i corridori da Camaiore a Follonica. La località toscana, recentemente, è spesso stata sede di arrivo di tappa nella “Corsa dei due mari”: nel 2018 vinse Marcel Kittel, nel 2020 Pascal Ackermnann, l’anno scorso invece Fabio Jakobsen.

Percorso

La tappa odierna non è completamente pianeggiante, ma le asperità che i corridori dovranno affrontare (incluso il GPM di Castellina Marittima) non dovrebbero mettere in difficoltà i velocisti: uno sprint di gruppo è decisamente lo scenario più probabile. All’interno di Follonica si affronterà un circuito caratterizzato da lunghi rettilinei e poche curve: i vari treni non dovrebbero quindi avere problemi nell’organizzarsi negli ultimi chilometri.

Favoriti

⭐️⭐️⭐️

Jasper Philipsen (Alpecin-Deceuninck) – Il belga nel 2023 alla Tirreno-Adriatico vinse due tappe, ma a Follonica fu bruciato da Jakobsen. Quest’anno ci riproverà, forte dello status di miglior velocista del mondo dopo gli straordinari risultati dell’anno scorso. Va sottolineato, però, che la stagione è iniziata senza acuti (nel weekend di apertura in Belgio non ha mai chiuso nei primi 60) e che mancherà un eccezionale “ultimo uomo” come Mathieu Van der Poel.

Tim Merlier (Soudal-Quick Step) – Uno degli uomini più in forma di questo inizio di stagione. Il belga arriva alla “Corsa dei due mari”, dove ha già vinto due tappe (a Senigallia nel 2020 e a Sovicille nel 2022), dopo due vittorie all’AlUla Tour e tre all’UAE Tour, per un totale di cinque successi già raccolti in questo 2024. A lui (e a Evenepoel in Francia) il compito di risollevare la Soudal-Quick Step, reduce da risultati inferiori alle aspettative tra Omloop, Kuurne e Strade Bianche.

⭐️⭐️

Jonathan Milan (Lidl-Trek) – Dopo l’ottimo terzo posto nella crono inaugurale, il friulano cerca conferme sul terreno che più gli è congeniale. La condizione è ottima e gli uomini a disposizione per il finale (su tutti Consonni e Theuns) non mancheranno, per cui le possibilità di ottenere un buon risultato sono molto alte.

Mark Cavendish (Astana Qazaqstan) – Il britannico, già vincitore in stagione di una tappa al Tour Colombia, in passato è stato più volte grande protagonista alla Tirreno-Adriatico, e potrà contare su un lead out di grandissimo livello con Cees Bol e Michael Mørkøv.

⭐️

Caleb Ewan (Jayco AlUla) – L’australiano, in Oman, ha ottenuto la prima vittoria dopo il suo ritorno nel team di Brent Copeland, e la Tirreno-Adriatico rappresenta per lui un viatico importante in vista del grande obiettivo stagionale, il Giro d’Italia. Il cambio di squadra ha portato nuovo entusiasmo, e Max Walscheid è un ultimo uomo di assoluta affidabilità.

Phil Bauhaus (Bahrain-Victorious) – Il tedesco, vincitore della volata di San Benedetto del Tronto nell’edizione 2022, è ormai diventato uno dei velocisti più costanti ad alti livelli, anche se raramente gli capita di alzare le braccia al cielo. In stagione per lui sono già arrivati un secondo posto al Tour Down Under (alle spalle di Welsford) e un terzo all’UAE Tour (dietro a Merlier e De Kleijn).

Dove vedere la corsa in TV

La seconda tappa della Tirreno-Adriatico sarà trasmessa in diretta sui canali Rai: dalle 13.05 alle 15 su Rai Sport, dalle 15 alle 15.50 su Rai 2. Diretta anche su Eurosport 2, dalle 13.05 alle 15.45. Infine, la tappa sarà trasmessa in streaming su RaiPlay e Discovery+.