TotalEnergies, obiettivo Alaphilippe: «Sarebbe il nuovo Sagan»

Alaphilippe
Julian Alaphilippe al Giro del Delfinato 2023 (foto: A.S.O.).
Tempo di lettura: < 1 minuto

Sebbene la TotalEnergies stia attraversando un periodo di crisi, i buoni propositi e le idee per il futuro non mancano. Una di queste — forse la più importante — porta il nome di Julian Alaphilippe. Ancora una volta, Jean-René Bernaudeau si è detto più che interessato al corridore della Soudal Quick-Step: «Naturalmente Julian avrebbe un posto pronto da noi» ha dichiarato il direttore generale del team a «L’Équipe». «Potrebbe essere il nostro nuovo Peter Sagan, soprattutto con l’arrivo di alcuni giovani corridori di talento. Verrebbe poi considerato come leader e mentore, perché è un esempio per tanti corridori. Vogliamo tornare al Tour in futuro».

La ferita causata dall’addio di Peter Sagan è rimasta aperta, e il team francese sta cercando un nuovo campione con cui poter replicare quella collaborazione speciale: «Sagan era una persona eccezionale che ci ha insegnato molto con la sua esperienza e mentalità. Ha lasciato un segno indelebile nella nostra storia. Siamo riusciti a crescere ulteriormente insieme a Peter» spiega Bernaudeau.

Un sogno irrealizzabile? La TotalEnergies potrebbe fare leva sulle tensioni sempre più aspre tra Alaphilippe e lo staff di casa Soudal: le ultime dichiarazioni di Patrick Lefevere non lasciano spazio a dubbi, evidenziando un clima tutt’altro che sereno. Quale strada imboccherà il due volte campione del mondo?