Truccano meccanica da atleta, il team femminile Cynisca Cycling punito dall’UCI

Cynisca Cycling
Foto del Team Cynisca Cycling 2023 (credit: © Cynisca Cycling)
Tempo di lettura: < 1 minuto

L’UCI ha sanzionato il Continental Team Cynisca Cycling, dopo che la sua Commissione Disciplinare ha ritenuto la squadra femminile colpevole di frode ai sensi dell’articolo 12.4.008 del Regolamento UCI. Il team americano, infatti, è accusato di aver presentato un meccanico della squadra come quinta partecipante alla partenza della Argenta Classic, lo scorso luglio. 

Secondo la ricostruzione degli eventi, i fatti sarebbero andati così: la mattina i commissari di gara avrebbero dato un avvertimento alla Cynisca Cycling: il team non avrebbe potuto partecipare alla gara se si fosse presentato con meno di cinque cicliste. Allora, il direttore sportivo Danny Van Haute, avrebbe prima costretto le quattro atlete iscritte regolamente alla corsa, Anna Hicks, Cara O’Neil, Katherine Sarkisov e Claire Windsor, a “mentire su dove si trovasse la quinta ragazza“, spacciandola per malata. Poi, quando l’organizzazione ha minacciato il team di squalifica, Van Haute ha incaricato il meccanico del team, Moira Barrett, “di indossare abiti da ciclista e una maschera facciale, presentarsi alla partenza e firmare il foglio di partenza sotto le vesti delle quinta ciclista“, così riporta una nota dell’UCI.

Van Haute è stato quindi giudicato come principale colpevole, punito con una sospensione da qualsiasi attività ciclistica fino al 31 dicembre 2025. Oltre che una multa in denaro. Moira Barrett, invece, è stata punita con la sospensione fino al 1° settembre 2024. Per quanto riguarda le quattro atlete, se la sono cavata con un rimprovero ai sensi dell’articolo 12.3.002 del Regolamento UCI. Mentre per la squadra è arrivata una sospensione per il prossimo evento del Calendario Internazionale UCI al quale avrebbe dovuto partecipare, oltre che una salata multa in denaro.