UAE Tour, Viviani cade allo sprint: per fortuna niente di rotto

Viviani
Elia Viviani alla partenza della prima tappa dell'UAE Tour 2023 (foto: LaPresse)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Elia Viviani può tirare un sospiro di sollievo: rimasto coinvolto nella violenta caduta – che ha interessato anche Harold Tejada (Astana Qazaqstan), Attila Valter (Visma | Lease a Bike), Max Poole e Timo Roosen (DSM-firmenich PostNL), Ivo Oliveira (UAE Emirates) e doversi corridori di Lidl-Trek e Cofidis – nella fase finale della prima tappa dell’UAE Tour, l’azzurro non ha potuto lottare per la vittoria.

Elia sembrava malridotto ma si è comunque rialzato ed è riuscito comunque a raggiungere il traguardo con le proprie gambe. «Dopo diversi accertamenti medici, Viviani è stato curato per tagli e contusioni. Inviamo i nostri migliori auguri a tutti gli altri corridori coinvolti nel tamponamento», ha scritto sui social la INEOS Grenadiers.