AlUla Tour 2024: percorso, favoriti e dove vederla in TV

AlUla Tour 2024
Foto d'archivio della scorsa edizione del Saudi Tour, con il gruppo che corre nel deserto (credit: ©Saudi Tour / AlUla Tour / Charly Lopez)
Tempo di lettura: 4 minuti

Oggi parte la 4ª edizione del Saudi Tour, che da quest’anno è stato ribattezzato AlUla Tour, dal nome della regione in cui si svolgerà la gara. La corsa saudita si sviluppa lungo cinque tappe che andranno in scena dal 30 gennaio al 3 febbraio 2024. Il gruppo attraverserà paesaggi poco battuti fino ad oggi dal ciclismo, ma che grazie a questa corsa hanno la possibilità di essere messi in mostra al grande pubblico.

Le prime quattro tappe sono a favore dei velocisti, per molti si tratterà delle prime occasioni in stagione per testare la gamba e provare a sbloccarsi già nel primo mese di questo 2024. Mentre la frazione conclusiva, che delineerà la classifica generale, sarà invece ad appannaggio degli scalatori.

⛰ Percorso

1ª Tappa – Martedì 30 gennaio | Al Manshiyah Train Station – Al Manshiyah Train Station (149.1 km)

2ª Tappa – Mercoledì 31 gennaio | AlUla Winter Park – Sharaan Nature Reserve (199.1 km)

3ª Tappa – Giovedì 1 febbraio | AlUla International Airport – AlUla Camel Track (170.6 km)

4ª Tappa – Venerdì 2 febbraio | Hegra – Maraya (142.2 km)

5ª Tappa – Sabato 3 febbraio | AlUla Old Town – Skyviews of Harrat Uwayrid (150.2 km)

🥇 Favoriti

⭐️⭐️⭐️ Primo Piano

Simon Yates (Jayco-AlUla) – L’esordio stagionale al Tour Down Under è stato decisamente anonimo per il classe ’92. La concorrenza non era alta, ma il britannico non aveva ancora la gamba per fare la differenza, come lui sa fare. La squadra punterà soprattutto sulle volate dell’olandese Dylan Groenewegen, che in stagione ha già trionfato alla Clàssica Comunitat Valenciana, ma nell’ultima tappa sarà tutta a favore di Yates. Prima corsa dell’anno anche per l’azzurro Alessandro De Marchi, che proverà sicuramente ad entrare in qualche fuga.

Davide Formolo (Movistar Team) – Lo scorso anno perse la volata decisiva per la tappa regina contro Ruben Guerreiro e chiuse al 2° posto della classifica generale. Quest’anno partirà nuovamente con i gradi da capitano e con l’ambizione di competere per la vittoria finale, ma con una nuova maglia: quella del team spagnolo della Movistar.

Tim Merlier (Soudal Quick-Step) – Insieme a Groenewegen il 31enne del team belga è il grande favorito per la vittoria di tappa nelle prime quattro giornate. Lo scorso anno, tra Oman e UAE Tour, il velocista classe ’92 belga era partito molto bene, vincendo tanto e mostrando una buona gamba. Gamba che però ha faticato a mostrare nel resto della stagione. Quest’anno l’obiettivo è mettersi in mostra fin da subito e mantenere lo stato di forma per cercare di prendere parte al Tour de France. Attenzione al debutto del giovane prodigio fiammingo William Junior Lecerf.

⭐️⭐️ Secondo Piano

Maximillian Schachmann (Bora-hansgrohe) – Archiviato un 2023 che è stato una brutta copia del 2022, il tedesco della Bora è alla ricerca di se stesso e di quel corridore capace di vincere per due anni consecutivi la Parigi-Nizza. L’AlUla Tour sarà la prima occasione per battere un colpo per il classe ’94, ma anche la prima occasione per vedere Matteo Sobrero con la nuova maglia. Chissà se per l’azzurro ci sarà anche con l’occasione di correre libero di provare a fare la sua gara.

Rafa Majka (UAE Team Emirates) – Il polacco dovrebbe essere il capitano del team emiratino, anche se occhio anche a un ottimo scalatore come il neozelandese Finn Fischer-Black. L’uomo per le volate sarà invece il colombiano Juan Sebastian Molano, che proverà a fare il terzo incomodo nella sfida tra Merlier e Groenewegen.

Fred Wright (Bahrain-Victorious) – Il team del Bahrain non dovrebbe avere un leader designato, ma proverà a movimentare la tappe (soprattutto l’ultima) con il britannico classe ’99, l’azzurro Edoardo Zambanini, il serbo Dušan Rajović e il tedesco Jasha Sütterlin. Per le volate ci sarà Andrea Pasqualon, che dopo aver fatto un’ottima stagione da ultimo uomo a Jonathan Milan, ora proverà a cercare gloria personale.

⭐️ Terzo Piano

Bryan Coquard (Cofidis) – La stagione del francese è iniziata bene con il 2° posto dietro a Groenewegen nell’esordio a Valencia e il 10° al nuovo Gran Premio Castellón. Ora il classe ’92 avrà quattro occasioni per puntare al successo e confermare il buon stato di forma.

Søren Wærenskjold (Uno-X Mobile) – Proprio nella 3ª tappa del Saudi Tour dello scorso anno il norvegese trovò la prima vittoria tra i professionisti, confermandosi poi nel corso della stagione un uomo che nelle corse a tappe brevi può dire la sua. 2° al Belgio Tour, 4° al Tour of Denmark e 1° al Tour Poitou, vincendo una frazione in tutte e tre le corse, questo è il bottino del 23enne di Mandal nel 2023.

🥇 L’albo d’oro

2023 – Ruben Guerreiro
2022 – Maxim Van Gils
2021 – /
2020 – Phil Bauhaus

📺 Dove vedere l’AlUla Tour 2024 in TV

La corsa sarà visibile in diretta tv su Eurosport 2 (dalle ore 12:30, tranne la 4a tappa dalle ore 13:00) e streaming su Sky Go, DAZN, Now, Discovery+ ed Eurosport.it (stessi orari).