La nostalgia di Valverde: «Ho pensato di tornare a correre, ma Unzué mi ha bloccato»

Valverde
Alejandro Valverde al Giro di Lombardia 2022.
Tempo di lettura: < 1 minuto

Dopo poco più di un anno dal suo ritiro, Alejandro Valverde torna a parlare di quel giorno al Lombardia in cui ha appeso la bici da corsa al chiodo. Lo spagnolo da quel giorno è rimasto nell’ambiente del ciclismo, partecipando a gare gravel e svolgendo il ruolo di consigliere per la Movistar. La nostalgia però non è mai andata via, come l’Embatido ha avuto modo di spiegare a El Pais.

«Il ciclismo e l’agonismo erano la mia passione e io mi sentivo ancora un corridore di livello. All’inizio è stata dura e quando la stagione è iniziata, mi sono chiesto se non mi fossi fermato troppo presto. Non mentirò, ho pensato anche di tornare alle corse e parlato con Unzué, che però mi ha bloccato. Eusebio aveva ragione, che bisogno ho?».

Valverde spiega però che sarà più presente alle corse sempre nel ruolo di consulente, mentre rimanda al prossimo anno la qualifica da direttore sportivo. «Devo ancora vedere cosa fare, per ora ho quella nazionale. La qualifica Uci forse tra un anno».