Giro d’Italia Ciclocross, i risultati della prima tappa di Tarvisio: vincono Ceolin e Baroni

Giro d'Italia Ciclocross
Federico Ceolin vince la prima tappa del Giro d'Italia Ciclocross (foto: Esclusiva Lisa Paletti per ASD Romano Scotti)
Tempo di lettura: 2 minuti

60 minuti di incertezza a Tarvisio e colpi di frusta dal primo all’ultimo giro. La gara regina della tappa inaugurale del Giro d’Italia Ciclocross ha visto gli attuali protagonisti del panorama crossistico nazionale darsele di santa ragione, senza esclusione di colpi. A una prima fase di gara caratterizzata dalla presenza di tre coppie in 30” è seguita una lunga schermaglia tra Marco Pavan e Federico Ceolin. Tra il piemontese di Rivoli e il veneziano si è presto frapposto il terzo incomodo, Antonio Folcarelli, autore della sua consueta partenza diesel e rimonta tenace.

Al primo tentativo di allungo, forse prematuro, di Pavan, ha risposto nei due giri conclusivi Federico Ceolin, che ha vinto la resistenza di Folcarelli. Sino al penultimo passaggio dai box il trio era diviso da soli 15”, mentre nella parte finale dell’ultimo giro Pavan ha tirato leggermente i remi in barca. Trionfo tra due ali di pubblico per Federico Ceolin (Bibione Cycling Team), in rettilineo d’arrivo ricco di piccoli tifosi e ciclisti in erba plaudenti, in pieno stile passaggio di consegne del Giro d’Italia Ciclocross.

Veste una maglia importante per il ciclismo professionistico italiano, quella della Green Project CSF Bardiani Faizanè, ma da oggi i colori di Luca Paletti saranno il bianco e il rosa, per onorare la sua performance come miglior giovane della gara uomini open dopo una lotta ruota a ruota con Tommaso Cafueri.

Tra gli appuntamenti più attesi di giornata, la corsa internazionale per le donne open era carica di aspettative. E come spesso accade, le ragazze non le hanno tradite. Protagonista assoluta di giornata la toscana Francesca Baroni, in forze al team belga Hubo-Remotive: dopo una foratura nelle primissime fasi di gara ha rimontato tenacemente sul gruppo che si era portato al comando, formato da Carlotta Borello (ASD DP 66) e il duo di casa Alè Cycling Team Lucia Bramati & Eva Lechner.

Dopo due giri di studio, la toscana ha rotto gli indugi, guadagnando progressivamente terreno sino a consolidare il vantaggio sui 30”. Alle sue spalle l’esperta Lechner ha mollato leggermente la presa (salvo rifarsi sotto nel finale), mentre Bramati ha ingaggiato una lunga sfida con la piemontese Borello. Al traguardo fa festa Francesca Baroni, ma anche una pimpante Lucia Bramati, che festeggia il ritorno sul podio del Giro d’Italia Ciclocross, precedendo Carlotta Borello.