Van Aert come Van der Poel: è bravo anche come ultimo uomo

Van Aert
Wout Van Aert ha affermato che correrebbe volentieri nella Uno-X o nella Tudor (foto: A.S.O./Lopez)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Wout van Aert ha vissuto una «prima giornata perfetta» al Tour of Britain. Il fuoriclasse belga ha dato una grande mano al suo compagno Olav Kooij, che ha vinto la tappa che arrivava a Manchester, e lui stesso è arrivato secondo. «Non ho ancora corso molto con Olav, ma tutti possono vedere che ha molto talento. Questo è l’inizio perfetto, abbiamo fatto molto bene. Come squadra abbiamo fatto tutto bene. È molto bello far parte di questo. Non dirò che il primo passo è stato facile, ma il lavoro della squadra ci ha messo in una posizione ideale. Il piano era di superare l’ultima curva per primo e per secondo e ci siamo pienamente riusciti».

Ormai ci siamo abituati a vedere il suo miglior nemico, Mathieu van der Poel, nel ruolo di lead-out per Jasper Philipsen, in particolare all’ultimo Tour de France, ma per van Aert era la prima volta. «È divertente farlo in questo modo. Tuttavia, devo farlo di più per vedere se continuerò a divertirmi».