TOUR DE FRANCE 2023 / Landa capitano della Bahrain-Victorious, Tiberi resta a casa

Landa
Mikel Landa in maglia Bahrain Victorious al Giro d'Italia 2022
Tempo di lettura: 3 minuti

La Bahrain Victorious ha comunicato la composizione della squadra che il 1 luglio prenderà il via all’edizione numero 110 del Tour de France. Mikel Landa è stato confermato capitano del team, con il basco che vivrà un’emozione in più: ossia quella di partire dalla sua terra natale. La Grande Boucle, per quest’anno, correrà le prime tre tappe nella regione basca con partenza da Bilbao.

Il team del Bahrain porterà un velocista del calibro di Phil Bauhaus per essere competitiva anche nelle diverse tappe che sembrano adatte a un arrivo in volata. Il tedesco potrà contare sull’apporto del connazionale Nikias Arndt, oltre che di Fred Wright (ancora alla caccia della prima vittoria tra i pro’ dopo i tantissimi piazzamenti di prestigio) e Matej Mohoric. Quest’ultimi due avranno sicuramente anche qualche giorno di libertà per centrare la fuga e andare a caccia del successo personale.

Quando la strada sale, invece, a supporto di Landa ci saranno due ottimi scalatori come Jack Haig e Wout Poels, oltre
all’altro basco del team, Pello Bilbao. Il 33enne della Bahrain-Victorious agirà da seconda punta e proverà anche lui a curare la classifica generale. Magari cercando di migliorare la nona posizione ottenuta nel 2021. L’obiettivo primario, però, rimane centrare quel podio che Landa ha sfiorato per ben due volte (chiudendo 4° nel 2017 e nel 2020).

Il percorso del Tour dr France di quest’anno si addice molto alle caratteristiche del basco classe 1989. La presenza di una sola cronometro, a favore di tanti chilometri di salita, gioca sicuramente dalla parte di Landa: «La partenza dai Paesi Baschi sarà davvero entusiasmante! Sento già la grande passione e l’eccitazione dei miei fan. Mi scrivono e mi supportano ogni giorno da settimane e io ne vado orgoglioso. Penso che per la mia gente questa partenza del Tour sarà una grande celebrazione per il ciclismo, quindi sono davvero felice di farne parte».

Il direttore sportivo per la spedizione francese sarà, Gorazd Štangelj, il quale ritiene che la sua squadra porti al Tour uomini che possano competere in tutte le tappe, non solo in salita: «Arriviamo a questo Tour de France con grandi ambizioni e credo che abbiamo una squadra eccellente e che ci dia la possibilità di far bene in tutte le tappe. Portiamo due corridori per la generale di origine basca, quindi ancora più motivati dall’opportunità di correre una Grande Partenza sulle strade di casa. Le gerarchie sono chiare da subito Landa sarà il nostro leader e Pello sarà il co-capitano. Poi abbiamo Matej e Fred, i quali possono cercare le loro opportunità attraverso le fughe, mentre Phil avrà le sue chance in quanto ci sono molte tappe per i velocisti sulla carta al Tour di quest’anno. Lui ha il talento per far bene, oltre che un lead-out di grande esperienza come Nikias. I gregari di alta montagna sono invece con Jack e Wout, ed entrambi hanno anche la capacità di lottare per una vittoria di tappa. Nel complesso, abbiamo una formazione forte e ogni corridore può sfruttare un’opportunità che gli capiteranno per lasciare il segno».

Come si evince dalle parole del DS della Bahrain-Victorious non sarà presente alla corsa a tappe francese l’italiano Antonio Tiberi. Il laziale ha firmato solo con la squadra qualche settimana fa, dopo tre mesi di stop. Nonostante ciò per lui si parlava di una possibile presenza al Tour. Presenza che invece per il classe 2001 non ci sarà: Tiberi rimane a casa. Per preparare la Vuelta?

La Bahrain chiude il comunicato con un doveroso ricordo di Gino Mäder, recentemente scomparso in corsa: «Quest’anno abbiamo un avvicinamento al Tour molto duro con la tragica perdita del nostro caro amico Gino. Vogliamo correre anche per onorare la sua memoria e dedicargli questo Tour. Oggi e tutti i giorni pedaliamo per te, Gino».