Il direttore dell’Amstel ricorda il 2019: «Tifai Van der Poel, fui ammonito dall’UCI»

Amstel
Mathieu Van der Poel all'Amstel Gold Race 2019 (foto: Sunada)
Tempo di lettura: 2 minuti

Leo van Vliet era il direttore di corsa all’Amstel Gold Race 2019 e ha vissuto da vicino la storia del ciclismo: la sua gioia per la rimonta vincente di Mathieu Van der Poel gli è valsa però un avvertimento da parte dell’UCI. Il tifo per la vittoria di un olandese non è stato tollerato.

Nel finale dell’Amstel Gold Race 2019, Leo van Vliet era in macchina dietro ai due leader, Julian Alaphilippe e Jakob Fuglsang. Mathieu inseguiva in un gruppo ridotto e sembrava sconfitto. «Van der Poel era già completamente tagliato fuori. Dieci chilometri prima del traguardo do sempre il premio per lo spirito combattivo. Ho pensato: Mathieu è così “caldo” adesso, gli darò il premio. Così lo avremo ancora sul podio, sarà bello per la gente», ha il direttore di gara nel podcast di WielerFlits.

Quel giorno, tuttavia, Mathieu ha dimostrato che non bisognerebbe mai considerarlo battuto. Van Vliet ricorda il momento in cui la sua auto ha dovuto accostare. «Una Shimano ha iniziato a suonare il clacson dietro di noi. Ho guardato indietro e ho visto che stava arrivando Kwiatkowski. E improvvisamente Van der Poel era lì con la sua maglia rosso-bianco-blu», racconta van Vliet.

«Ho pensato: accidenti, è ancora lì! Non ho visto la sua rimonta». Il resto della gara è storia. Dopo un lungo periodo di vuoto, un olandese aveva finalmente vinto di nuovo nella più grande classica del Paese. Ancora van Vliet: «La gente chiedeva da vent’anni: perché gli olandesi non vincono più?». La vittoria di Mvdp è stata quindi un buon motivo per fare il tifo, anche il direttore di gara ha ceduto alla passione.

«Ho ricevuto un rimprovero dall’UCI, perché non mi è permesso esultare quando vince un olandese», dice Van Vliet. «L’ho trovato molto strano». Quest’anno van Vliet non vedrà un altro miracolo di van der Poel, che non sarà al via dell’Amstel 2023. Ma correrà un altro fenomeno: Tadej Pogacar parte favorito.