Boonen e il regalo di Van Aert a Laporte: «Wout se ne pentirà»

Boonen
Tom Boonen al Tour de France 2019
Tempo di lettura: < 1 minuto

Tom Boonen considera sorprendente la scelta di Van Aert di concedere la vittoria nella Gand-Wevelgem al suo compagno Christophe Laporte. “Wout se ne pentirà”, ha detto il 42enne ex corridore a Sporza, “I corridori vanno e vengono”, è la tesi di Boonen. “Laporte diventerà probabilmente la figura chiave di Wout nelle Fiandre e a Roubaix, ma non è una garanzia. Supponiamo che Wout abbia un momento difficile dopo cinque chilometri domenica, quindi se ne pentirà molto“.

Boonen dice di aver anche aiutato i suoi compagni di squadra a vincere. “Ma mai in una situazione del genere. Aiuti i compagni di squadra a farli competere per la vittoria. Questo può magari sembrare bello al marketing del team, ma non so se l’avrei fatto. La Jumbo ha vinto comunque, ma la Gand-Wevelgem è la Gand-Wevelgem. Una buona gara da mettere nel curriculum, vale più di una Parigi-Nizza”. Con quest’ultimo commento, Boonen ha fatto riferimento alla Parigi-Nizza dello scorso anno, quando Van Aert e Roglic lasciarono la vittoria a Laporte.

Boonen ha i suoi dubbi anche dal punto di vista di Laporte, che ha ricevuto la vittoria in regalo. «Chi vuole vincere così? Uno sprint tra loro due sarebbe sembrato magari strano, ma sarebbe stato più bello. E comunque, a questo punto della sua carriera, Van Aert deve vincere delle gare. Come non importa. Venerdì Van Aert ha fatto un grande passo verso una Monumento fiamminga. Non devi essere il migliore, l’importante è vincere».