Coppa del Mondo Ciclocross, van Aert: «Sono stufo delle mie tattiche sbagliate»

Tempo di lettura: < 1 minuto

Wout van Aert si è dovuto accontentare del secondo posto dietro a Mathieu van der Poel nella penultima prova di Coppa del Mondo di ciclocross a Benidorm. Il corridore della Jumbo-Visma ha lottato per la vittoria fino all’ultimo giro, ma è stato battuto allo sprint dall’olandese. «Sono contento di non essere caduto allo sprint perché ho sfiorato le transenne. Ma sono anche deluso per non aver vinto», ha detto van Aert dopo aver tagliato il traguardo.

«Sapevo che un piccolo vantaggio all’uscita dall’ultima curva era fondamentale per la vittoria», ha commentato Wout rammaricandosi per il mancato successo, che poteva essere il terzo in Coppa in questa stagione. «Sono anche stufo delle mie tattiche sbagliate. Avrei dovuto dare il tutto per tutto nell’ultimo giro, senza pensare a un’eventuale sprint finale». Si arrabbia con se stesso van Aert. «Invece mi sono principalmente concentrato a non andare fuorigiri. Van der Poel mi ha superato prima delle ultime curve, quando non potevo più sorpassarlo». E così il 28enne di Herentals è restato sulla scia del suo storico rivale fino all’ultimo metro sul traguardo, rischiando anche di finire contro le transenne dopo aver impostato male l’ultima curva.