Grand Prix de Denain: svelato il nuovo percorso con dodici settori in pavé

pavé
Immagini del pavé tipico della Parigi-Roubaix (foto: A.S.O.)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Giovedì 16 marzo, due giorni prima della Milano-Sanremo, si svolgerà il classico Grand Prix de Denain, giunto quest’anno alla sua 64ª edizione. Con il suo nuovo percorso, avrà il compito di far prendere confidenza con il pavé a chi aspira ad essere protagonista alla Parigi-Roubaix, che andrà in scena meno di un mese dopo, domenica 9 aprile. Il tracciato comprende infatti ben 12 settori pavé (nel 2022 furono 6) per un totale di 23,3 chilometri. I tratti sulle famigerate pietre sono tutti concentrati negli ultimi 85 chilometri. La prova si svolgerà invece sulla distanza complessiva di 195,7 chilometri nel dipartimento dell’Hainault. 

L’edizione 2022 del Grand Prix de Denain venne vinta dal tedesco Max Walscheid (Cofidis) davanti al belga Dries De Bond e al francese Adrien Petit. Due soli italiani sono riusciti ad aggiudicarsi questa prestigiosa classica transalpina, entrambi veneti: Endrio Leoni nel 2000 e Alberto Vinale nel 2002. Ultimo corridore di casa nostra sul podio, Francesco Chicchi, terzo nel 2014. 

I settori pavé del GP Denain 2023

al chilometro 111, tra Avesnes-les-Aubert e Carnières (2,3 km)

al chilometro 120, tra Quiévy e Viesly (3,7 km)

al chilometro 125, a Saint-Python (1,5 km)

al chilometro 132, ad Haussy (800 m)

al chilometro 136, tra Vertain e Saint-Martin-sur-Ecaillon (2,3 km)

al chilometro 143, ad Escarmain e Pont-à-Pierres (1,4 km)

al chilometro 150, tra Capelle e Ruesnes (1,6 km)

al chilometro 162, tra Verchain-Maugré e Quérénaing (1,6 km)

al chilometro 164, tra Quérénaing e Maing (2,5 km)

al chilometro 167, tra Maing e Monchaux-sur-Ecaillon (1,6 km)

al chilometro 175, tra Thiant e Haspres (1,7 km)

al chilometro 183, tra Avesnes-le-Sec e Hordain (1,8 km).