VUELTA A SAN JUAN 2023 / I percorsi e le altimetrie delle sette tappe

Gaviria
Fernando Gaviria vince la tappa conclusiva della Vuelta a San Juan 2020
Tempo di lettura: 3 minuti

La tensione è alle stelle in Argentina, dove il calore dell’estate accoglie la grande scena del ciclismo mondiale. La Vuelta a San Juan (22-29 gennaio), dopo una lunga assenza a causa del Covid, è finalmente pronta a ripartire con un cast stellare: Evenepoel, Bernal, Sagan e Ganna per citarne alcuni. Le squadre World Tour hanno preparato per mesi questa gara che sarà il punto di partenza di una lunga stagione. Il favorito numero uno è campione del mondo Remco Evenepoel, l’ultimo a vincere in Argentina prima della pandemia. Sette tappe con un giorno di riposo tra la quarta e la quinta frazione, ma adesso scopriamo insieme i segreti di ogni tappa.

Tappa 1: San Juan – San Juan (143,9 km)

L’avventura comincerà con il circuito di San Juan, 144 chilometri praticamente pianeggianti: è prevista una volata di gruppo. Il finale è molto tortuoso, tante curve e cambi di direzione, sarà importante fare molta attenzione anche per gli uomini di classifica.

Tappa 2: Villa san Agustin – San José de Jáchal (202km)

La seconda frazione è quella più lunga. Le difficoltà altimetriche cominceranno fin da subito, un percorso che non si adatta molto alle caratteristiche di un velocista puro, ma di un uomo completo con uno spunto veloce. Gli ultimi 40 chilometri di gara saranno impegnativi e terreno di possibili attacchi per chi vorrà arrivare da solo a Jachal.

Tappa 3: Autodromo San Juan Villicum – Autodromo San Juan Villicum (170,9 km)

Ancora terreno per i velocisti nella terza frazione, un percorso dalle poche difficoltà altimetriche con un finale in leggera pendenza positiva, ma dove non si potrà sfuggire alle ventose velocità imposte dal gruppo.

Tappa 4: Autodromo San Juan Villicum – Barreal (196,5 km)

Nella quarta tappa i corridori dovranno affrontare un tracciato particolarmente mosso, le ruote veloci rischieranno di doversi arrendere e gli uomini da fuga potranno emergere provando a guadagnarsi l’arrivo a Barreal.

Tappa 5: Plaza de Chimbas – Alto del Colorado (173,7 km)

La tappa regina, qui si deciderà la classifica generale. L’ascesa finale non presenta pendenze impegnative, ma il forte ritmo, i possibili ventagli, l’arrivo a 2623 metri di altitudine e la presenza di zero pianura negli ultimi chilometri, potranno creare delle situazioni di gara molto interessanti.

Tappa 6: Velódromo Vicente A. Chancay – Velódromo Vicente A. Chancay (144,9 km)

Nella penultima tappa le ruote veloci avranno la possibilità di giocarsi la vittoria, si affronterà un circuito di due giri nel finale per poi pedalare su strada praticamente sempre diritta fino al traguardo nel Velódromo Vicente A. Chancay.

Tappa 7: San Juan – San Juan (112,7 km)

L’ultimo giorno è sempre dedicato agli sprinter, ci sarà una passerella iniziale e poi i sette giri immersi nella città di San Juan.