Automobilista taglia la strada a Claudia Cretti: condizioni non preoccupanti dopo l’incidente

Cretti
Claudia Cretti in una foto d'archivio scattata al Giro d'Italia Donne 2022
Tempo di lettura: 2 minuti

Per la terza volta nel giro di cinque anni, Claudia Cretti, ora azzurra della nazionale paralimpica, è rimasta vittima di un incidente stradale. Nel pomeriggio di ieri, 5 gennaio, poco dopo le ore 15, la giovane ciclista bergamasca ha urtato a Darfo Boario, in Val Camonica, un furgone che l’aveva superata e che le avrebbe tagliato la strada per svoltare a destra.

La Cretti non è riuscita a frenare il tempo ed ha impattato contro la parte posteriore dell’automezzo. Ha perso l’equilibrio ed è caduta, battendo mandibola, clavicola e costato. La giovane atleta non ha mai perso conoscenza ed è stata rapidamente soccorsa da un’autoambulanza dell’Areu. Trasportata al pronto soccorso dell’ospedale di Esine, è stata sottoposta agli accertamenti e agli esami radiografici. Le sue condizioni non sono preoccupanti, il casco che indossava l’ha protetta, evitando serie conseguenze. 

Claudia Cretti era rimasta vittima di una drammatica caduta nell’estate 2017 durante la settima tappa del Giro d’Italia femminile. A seguito di un grave trauma cranico, era stata sottoposta con un urgenza ad intervento chirurgico per l’applicazione di una placca di metallo tra le ossa del cranio. Nell’agosto 2021 era caduta in allenamento a Pisogne, lungo la pista ciclabile, senza però riportare serie conseguenza.

Se dopo la caduta di ieri, il recupero sarà veloce, già all’inizio della prossima settimana Claudia Cretti dovrebbe raggiungere a Francavilla al Mare la nazionale paralimpica, impegnata in un ritiro di preparazione. Sulle pagine del suo profilo Facebook l’atleta ha dato notizie confortanti sul suo stato di salute: «Voglio tranquillizzare tutti, sono a casa e sto bene. Nessuna frattura, perlomeno. Solo tanta rabbia perché oltre il danno la beffa. L’autista del furgone che mi ha tagliato la strada svoltando a destra dopo avermi superato, nega, dice che l’ho tamponato. Purtroppo non ci sono testimoni. Un po’acciaccata ma nessuna frattura. Sono a casa. Grazie a tutti dell’affetto che mi dimostrate».