Adrie van der Poel analizza il successo di Mathieu: «Nei primi giri era troppo ansioso. Vediamo come reagirà la schiena»

Van Der Poel
Mathieu van der Poel in una foto d'archivio alla Milano-Sanremo 2022
Tempo di lettura: < 1 minuti

Mathieu van der Poel ha vinto al debutto, nella prova di Coppa del Mondo a Hulst. L’olandese dell’Alpecin-Deceuninck ha commesso alcuni errori tecnici durante il suo primo cross della stagione, e non lo ha nascosto. Anche suo padre, Adrie van der Poel, ne parla. “Il fatto che stia già vincendo è abbastanza positivo”, ha detto van der Poel senior alle telecamere di WielerFlits. “Sapevamo già che stava abbastanza bene, ma dipende molto dall’inizio. È andata molto bene”, dice ora Adrie.

“Nei primi due o tre giri, Mathieu era troppo ansioso, ma sembrava comunque in palla. Quello che mi ha colpito di più è stato che poteva sicuramente mettere anche un dente o due in più rispetto agli altri anni. Non ha perso nulla della sua accelerazione e sui rettilinei può pedalare con una buona accelerazione. Bello. Resta da vedere come reagirà la sua schiena, ma ci sta lavorando molto ed è andata molto meglio negli ultimi mesi”.

Dopo il ritorno di Tom Pidcock e Mathieu van der Poel, è ora di guardare al primo cross di Wout van Aert. Il tre volte campione del mondo debutterà nel cross il 4 dicembre ad Anversa. Cosa si aspetta Adrie van der Poel? “Proprio come Mathieu, raggiungerà subito un livello molto alto. E ci metto anche Pidcock. Era molto infelice a Hulst, ma è stato molto bravo. Immagino che nelle prossime settimane vedremo dei bei cross”.