Il massaggiatore di Bernal: «Pensavo che non avrebbe più pedalato, ora la schiena sta meglio di prima»

Bernal
Egan Bernal, abbastanza provato in volto dopo la tappa del Giro d'Italia 2021 con arrivo a San Giacomo
Tempo di lettura: < 1 minuti

Egan Bernal sta rifinendo la sua forma nei dettagli per potersi finalmente concedere una stagione piena e di grande qualità dopo essersi ripreso dal grave incidente subito a gennaio di quest’anno ed essere ricomparso con cautela in gare di secondo piano alla fine della stagione.

Il colombiano punta al Tour de France e Ineos lo segue nel suo desiderio: il colombiano inizierà la stagione alla Vuelta a San Juan in Argentina e così via progressivamente. La questione che preoccupa l’entourage di Bernal è ovviamente quella delle sue condizioni fisiche dopo l’incidente, qualcosa di cui il massaggiatore spagnolo Cristian Alonso ha parlato con il quotidiano ‘El Comercio’.

«Abbiamo avuto paura per la sua vita, abbiamo temuto che non si riprendesse. La cosa più normale era che non avrebbe mai più corso in bicicletta. Nessuno pensava che potesse pedalare di nuovo», ha ammesso il membro dello staff Ineos sull’incidente di Bernal che si era schiantato ad alta velocità – mentre testava la bici da crono – contro un bus parcheggiato.

Poi Alonso ha parlato del problema alla schiena di Bernal, cosa che lo ha sempre infastidito (anche prima dell’incidente) e che lo ha condizionato anche al Tour de France del 2020: «Sta molto bene, ha bisogno di rimettersi in forma, ma ora la schiena gli fa meno male di prima. Ha sempre avuto problemi alla schiena, ma a casa abbiamo scherzato dicendo che adesso sta meglio di com’era prima».