Trek-Segafredo, Juan Pedro Lopez rinnova fino al 2025: «È la squadra perfetta per crescere ancora»

Juan Pedro Lopez in azione sul Blockhaus al Giro d'Italia 2022 in maglia rosa (foto: LaPresse)
Tempo di lettura: 2 minuti

Juan Pedro Lopez e la Trek-Segafredo saranno insieme fino al 2025. È stato annunciato oggi il rinnovo del contratto, sostenuto dai dieci giorni in maglia rosa e il decimo posto in classifica generale al Giro d’Italia. Lopez deve ancora ottenere la sua prima vittoria da professionista, ma sempre nella Corsa Rosa ha sorpreso tutti arrivando secondo nella quarta tappa sull’Etna e poi lottando per mantenere la maglia rosa fino alla quattordicesima tappa con arrivo a Torino. Il 25enne spagnolo ha indossato fino alla fine la maglia bianca di miglior giovane corridore.

Alla luce del rinnovo le parole dell’atleta nativo di Lebrija indicano grande fiducia nei propri mezzi e nella squadra: «Da quando sono entrato a far parte della Trek-Segafredo come stagista nel 2019, sono cresciuto tanto come persona e come corridore. Sento che l’ambiente che il team ha creato è perfetto per me e continua ad essere il posto dove voglio essere. Mi sembra di trovarmi a casa qui. La gente lo dice sempre, ma credo davvero che questa squadra sia come la mia famiglia. Prolungando il mio contratto in anticipo, Luca (Guercilena, ndr) e il team stanno dimostrando che si fidano di me e che credono in me come io credo in me stesso. È una sensazione speciale, e nei prossimi tre anni voglio essere in grado di dimostrare che ne è valsa la pena».

Anche il team manager Luca Guercilena è fortemente convinto del gran talento di Lopez: «Juanpe è un giovane corridore di talento che credo si sia guadagnato la nostra fiducia e il nostro impegno da quando si è unito a noi come stagista circa tre anni fa. Quest’anno abbiamo visto che ha fatto dei passi avanti ed è disponibile a imparare dai corridori più esperti del team. Crediamo davvero che Juanpe sia in grado di realizzare il potenziale che vediamo in lui e sono fiducioso che non passerà molto tempo prima di vederlo assicurarsi la prima vittoria».