Almeida punterà tutto sul Giro. Ayuso fa le Ardenne e la Vuelta

Almeida
Joao Almeida al Giro d'Italia 2022
Tempo di lettura: 2 minuti

João Almeida sogna di tornare al Giro d’Italia per puntare finalmente al podio. Quarto all’esordio, nella disgraziata stagione del lockdown e del calendario stravolto (2020), sesto l’anno dopo, quest’anno il portoghese dell’UAE Team Emirates ha dovuto abbandonare per il covid dopo 17 tappe, quando era quarto in classifica generale.

Oggi Almeida non ha molta scelta per i programmi del 2023. Nella sua squadra è comunque all’ombra del grande talento Tadej Pogacar, che ha già vinto due volte il Tour e quest’anno è arrivato secondo. E all’orizzonte si staglia già la stella di Juan Ayuso, Almeida potrebbe persino diventare la terza scelta.

In un’intervista a The National, il portoghese ha detto che è in cerca di vendetta. «Voglio concentrarmi di nuovo sul Giro. Ho avuto un anno abbastanza buono ma mi aspettavo qualcosa in più dal Giro quest’anno, purtroppo ho contratto il covid».

Anche i programmi di Pogacar e Ayuso stanno lentamente prendendo forma. Joxean Matxin ha già detto che Pogacar non proverà l’accoppiata Giro-Tour, e che il suo focus è interamente sul Tour de France. Questo perché ci sono soltanto tre settimane tra la fine del Giro e l’inizio della Grande Boucle. «La mia opinione è che a 24 anni due grandi Giri in un anno non siano appropriati. Se la distanza tra il Giro e il Tour fosse di cinque o sei settimane, sarebbe una possibilità, ma tre settimane sono troppo poche» ha detto.

Ayuso, il terzo leader della squadra, ha detto in un’intervista a El Pais di voler andare alla Vuelta da leader. «Voglio provare ancora la Vuelta, non cambierò grande Giro fino al 2024. Il prossimo anno la Vuelta sarà il mio grande obiettivo. Se sei già arrivato terzo, puoi solo pensare a vincere. La terza settimana è stata la mia migliore e questo mi dà fiducia per il prossimo anno», ha detto. Nella stessa intervista ha anche detto di voler seguire l’esempio di Pogacar e quindi di voler correre le classiche delle Ardenne.