Pogacar ammette: «Ieri Mas era il migliore, ma sono felice della mia condizione. Sabato proverò a difendere la vittoria del Lombardia»

Pogacar
Tadej Pogacar alla Tirreno-Adriatico (foto: LaPresse)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Tadej Pogacar non cerca scuse ed è sincero come sempre dopo il secondo posto al Giro dell’Emilia. Una sconfitta visto che alla partenza era il primo favorito, l’uomo da battere. Nell’ultima ascesa al Santuario di San Luca Enric Mas gli è scattato in faccia e non ha potuto far nulla, semplicemente non aveva la gamba giusta per reagire al cambio di ritmo dello spagnolo della Movistar.

«Sono contento della mia prestazione e devo solo ammettere che Mas è stato più forte. È stata una gara molto bella, con un finale emozionante» ha dichiarato Pogacar alla stampa al termine della classica emiliana di fine stagione. L’UAE Team Emirates ha guidato la corsa negli ultimi giri del circuito finale, imprimendo un ritmo costante per preparare un eventuale attacco dello sloveno. «La squadra ha creduto in me. Sono molto grato ai miei compagni, hanno fatto un lavoro fantastico».

Si scrolla presto però di dosso ogni delusione, guardando con fiducia a sabato, quando parteciperà al Lombardia da campione in carica. «Rispetto all’anno scorso me la sono cavata molto meglio al Giro dell’Emilia. Quindi sono contento del miglioramento. Non vedo l’ora che arrivi mercoledì e sabato. Il Lombardia l’ho vinto l’anno scorso, ma il percorso era diverso. Prenderò parte all’ultima Monumento comunque per fare bene e difendere il successo conquistato nell’ultima edizione» ha concluso Pogacar. Tadej tornerà in gruppo per la Tre Valli Varesine mercoledì.