Van Aert sceglie un volo di linea per arrivare prima in Canada ma il viaggio è un’odissea

Van Aert
Wout Van Aert in azione alla Parigi-Roubaix (foto: A.S.O/PaulineBallet)
Tempo di lettura: 2 minuti

Inconveniente per Wout Van Aert, che ha subito un lungo ritardo durante il suo viaggio per il Canada, dove correrà le gare WorldTour in Quebec e Montréal. Insieme a Jasper Stuyven, tra gli altri, il leader della Jumbo-Visma ha scelto un volo diretto da Parigi al Quebec nella speranza di arrivare in hotel più velocemente rispetto al volo charter dell’organizzazione per Montréal.

Il volo Air France AF352 però è partito dall’aeroporto Charles de Gaulle in direzione Quebec è con più di un’ora di ritardo. E dopo che l’aereo è stato circa due ore sull’Oceano Atlantico, girando a lungo in tondo, il capitano ha informato i passeggeri che dovevano atterrare a Brest per fare rifornimento. A causa del ritardo a Parigi, poi, il volo ha dovuto nuovamente ottenere il permesso dalle autorità di Londra per attraversare l’oceano. Tutta quanta la procedura è durata così a lungo che l’aereo alla fine ha esaurito il carburante per effettuare la traversata e l’equipaggio ha deciso di fare rifornimento a Brest solo per sicurezza. In Bretagna, l’Airbus 330 è rimasto a terra per quasi un’ora e mezza per fare rifornimento. Tutti i passeggeri sono stati in grado di rimanere nell’aereo. L’Airbus è riuscito a decollare poco prima delle 18.30. Quando l’orario di partenza da Parigi era le 13:25.

«Non ho mai provato niente del genere», ha detto Van Aert. I corridori belgi hanno comunque avuto l’opportunità di assistere agli ultimi trenta chilometri della tappa della Vuelta dove Stuyven ha visto vincere il suo compagno di squadra Mads Pedersen. «Senza questa sosta ci saremmo persi il finale», ha detto Van Aert cercato il lato positivo. Il GP del Quebec è in programma venerdì, mentre il GP di Montreal si svolgerà domenica. Van Aert e Stuyven partiranno da Montreál via Vancouver per Sydney diretti ai Mondiali di Wollongong.