Vuelta di Spagna, Simon Yates: «Posso vincere di nuovo, ma occhio a Evenepoel»

Yates
Simon Yates al Giro d'Italia 2022 (foto: LaPresse)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Tra i grandi favoriti di questa edizione della Vuelta di Spagna non poteva mancare Simon Yates, già vincitore della maglia rossa nel 2018. Lo scalatore britannico, dopo il Giro d’Italia dolceamaro (due vittorie di tappa e ritiro anticipato), ha messo gli occhi sulla corsa iberica, ma sa che i rivali non gli lasceranno alcuno spazio.

Yates, così come molti altri colleghi, ha indicato in Remco Evenepoel la mina vagante di questa edizione della Vuelta. «Guardate quello che ha fatto ha San Sebastian. Certo, è ancora molto giovane e tutti si stanno chiedendo come risponderà alle tre settimane, ma lui è nato per le grandi corse a tappe. Magari non quest’anno, ma a un certo punto arriverà il suo momento».

Sul percorso Simon Yates non ha dubbi. «È la solita Vuelta: dura ogni giorno con insidie in tutte le tappe. Non c’è mai tempo per riposarsi e recuperare. Il mio obiettivo è superare la prima settimana senza incidenti, per poi mettermi in mostra nella seconda e terza. Ho già vinto questa corsa e non c’è motivo per pensare che non possa farlo di nuovo».