Moser difende Cecilia Rodriguez sul divorzio con Carla, così diversa da lui: «La mia, non era il tipo di vita che le piaceva. Non date la colpa alla ragazza di Ignazio»

Moser
Francesco Moser in una foto d'archivio al campionato europeo
Tempo di lettura: 2 minuti

Tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Quarantadue anni di amore volati via così, in un lampo come i più belli dei Record dell’ora. Francesco Moser torna a spiegare i motivi del divorzio con Carla. Lo Sceriffo del gruppo, vincitore del Giro d’Italia vinto nel 1984, autore di due record dell’ora, re di tre Parigi-Roubaix, di una Milano-Sanremo, di due Giri di Lombardia, di un Mondiale, per un totale di oltre duecento vittorie difende senza mezze misure Cecilia Rodriguez, la compagna di suo figlio Ignazio. «A un certo punto non ci si riconosce più», ha detto Moser, sottolineando come all’ormai ex moglie non piacesse il suo tipo di vita. Le riflessioni del campione di Giovo, su quibicisport.

Francesco Moser e il divorzio con Carla Merz dopo quarantadue anni: «Non date la colpa a Cecilia Rodriguez»

In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, lo Sceriffo trentino si è espresso in questi termini sul divorzio con Carla Merz: «Il nostro divorzio ha fatto clamore forse perché è venuto fuori assieme a quello di Totti: i giornali hanno associato fatti molto diversi, però. In realtà la notizia è vecchia: siamo separati da tre anni, abbiamo firmato le carte per il divorzio a maggio, due mesi fa. Qualcuno deve aver scovato la notizia in Municipio ed eccoci qui».

Tra i motivi, possibili divergenze sullo stile di vita: «A me è sempre piaciuto vivere in modo dinamico, conoscere persone e posti nuovi o ritrovare vecchi amici viaggiando e pedalando. Alla Carla ho proposto fin dall’inizio della nostra relazione di venire in giro con me ma non è il tipo di vita che le piaceva e io ho sempre rispettato le sue scelte. Però credo di essere stato anche un buon uomo di casa e di famiglia: i ragazzi li abbiamo cresciuti assieme e questa è sempre stata la priorità».

Infine un pensiero sulla possibile influenza di Cecilia Rodriguez sulla decisione: «No, non credo, e comunque è una cosa che non c’entra nulla con la nostra vicenda personale».