Pinarello lancia la nuova Bolide F, la bici da crono di Filippo Ganna che farà il suo debutto al Tour de France

Pinarello
La nuova Pinarello di Filippo Ganna per il Tour de France
Tempo di lettura: 2 minuti

Il grande appuntamento con la cronometro di Copenhagen si avvicina sempre di più e Pinarello ha voluto regalare ai suoi corridori della Ineos-Grenadiers (e il nostro Filippo Ganna) un modello tutto nuovo. Parliamo della nuova Pinarello Bolide F che farà il proprio debutto dopodomani sulle strade del Tour de France.

Ma conosciamola meglio. Gli ingegneri dell’azienda veneta hanno lavorato a lungo utilizzando i progressi tecnologici più moderni come la fluidodinamica computazionale (CFD). Questo ha permesso di avere numerosi dati in archivio per trovare le forme e il design migliore per l’aerodinamica della bicicletta.

Grande obiettivo di Pinarello è stato quello di migliorare la maneggevolezza della bici, riducendo allo stesso tempo la resistenza al rotolamento. Per fare ciò sono nati un tubo sella, reggisella, foderi superiori e foderi della catena completamente nuovi, che lavorano insieme per ridurre al minimo la maggiore resistenza aerodinamica provocata dai freni a disco.

Pinarello

A cosa ha portato questo lavoro? A un importante incremento aerodinamico alla velocità di 50 chilometri orari e con ben otto posizioni delle gambe diverse e sette angoli di imbardata. Chiaramente a velocità più alte, quelle che si possono raggiungere durante una cronometro del World Tour, il miglioramento potrebbe essere addirittura superiore. E il peso è addirittura minore di 170 grammi rispetto alla passata versione.

Pinarello

Hanno subito una modifica anche le estensioni e i rialzi del manubrio per migliorare la posizione aerodinamica e il comfort. Una volta individuate le aree sensibili degli appoggi e degli avambracci, la nuova serie sterzo ha visto l’introduzione del sistema TiCR e delle prolunghe in stampa 3D su misura in titanio.

Che dire, questo gioiellino di casa Pinarello aiuterà Filippo Ganna a conquistare la maglia gialla tra le strade di Copenhagen? Noi ci auguriamo di sì!