Nibali, il padre Salvatore svela lo Squalo del Giro: «All’Astana è rinato e si è preparato benissimo. Ci sorprenderà»

Salvatore e Giovanna, i genitori di Vincenzo Nibali, con i Bicisport dedicati al campione siciliano
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il Processo alla Tappa, straordinaria invenzione di Sergio Zavoli, da sessanta anni racconta le storie dei corridori protagonisti sulle strade del Giro d’Italia con uno stile unico. Seguendolo si scoprono cose nuove e si conoscono sfumature e particolari che la gara non lascia trasparire. Nella puntata di oggi, nello studio di Alessandro Fabretti, è intervenuto telefonicamente Salvatore Nibali, il padre dello Squalo dello Stretto. Una piacevole conversazione con il giornalista della Rai e un interessantissimo aneddoto sul Giro di Vincenzo: all’Astana Qazaqstan Team è rinato, l’ha visto allenarsi benissimo a Milazzo e sorprenderà tutti in queste tre settimane. Con una battuta da non perdere che riportiamo su quibicisport.

Nibali, il padre Salvatore al Processo alla Tappa: «Vincenzo all’Astana è tornato a divertirsi. Al Giro ci sorprenderà»

L’ottima prova nella cronometro di oggi a Budapest (Nibali ha concluso al dodicesimo posto a 19″ dal vincitore Simon Yates e occupa attualmente la dodicesima posizione in classifica generale a 30″ dalla maglia rosa di Mathieu Van der Poel), ha sorpreso più di qualcuno, ma non chi conosce da una vita il fuoriclasse di Messina. Salvatore e Giovanna Nibali, genitori del due volte vincitore della corsa rosa, sono intervenuti al Processo alla Tappa su Rai Due e in particolare il padre Salvatore ha dichiarato: «All’Astana è rinato ed è tornato a divertirsi. I corridori non dicono mai la verità. Ho visto Vincenzo allenarsi a Milazzo prima del Giro e si è preparato benissimo. Ci sorprenderà».

Poi è intervenuto anche il direttore sportivo dell’Astana Qazaqstan, Giuseppe Martinelli, al quale Salvatore Nibali ha rivolto parole importanti: «Beppe per Vincenzo è come un secondo padre. Hanno vinto tantissimo insieme. Vedremo cosa ci regaleranno a questo Giro d’Italia».