BS BIGSHOT / Boonen, la Roubaix nel sangue: dieci immagini da ricordare per il suo poker da record

Tempo di lettura: < 1 minuto

Aveva 21 anni quando corse la sua prima Parigi-Roubaix, nel 2002. Era una giornata infernale, fangosa e umida da far paura, ma Tom Boonen aggredì il pavé come se lo conoscesse da sempre. Arrivò terzo e salì sul podio al fianco di Johan Museeuw, che quel giorno vinse per la terza e ultima volta.

Fu una sorta di passaggio di consegne tra grandi fiamminghi: Boonen stava per diventare il nuovo re della Roubaix. La vinse nel 2005, nel 2008 e nel 2009, entrando nel Gotha dei grandi del pavé. E nel 2012, dieci anni dopo il debutto, colse la quarta vittoria, eguagliando il primato di un altro fiammingo, il “Gitano” Roger De Vlaeminck.

Ha avuto anche l’occasione di cogliere il quinto alloro, nel 2016, ma nello sprint al velodromo fu battuto dall’australiano Hayman, che quel giorno, a 38 anni, vinse la sua prima e unica classica monumento.

Le dieci immagini che seguono riassumono l’epopea di Tom Boonen nella Parigi-Roubaix, proprio a partire dal suo debutto, nel 2002.

SCORRI LE IMMAGINI QUI SOTTO…