Carapaz positivo al Covid. Allarme Ineos: Viviani, Ganna e gli altri negativi: possono partire (AGGIORNAMENTO)

Carapaz in azione alla Vuelta 2021 (foto: A.S.O./Photogomezsport)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Fulmine a ciel sereno, doccia fredda, un risveglio inaspettato. Allarme in casa Ineos-Grenadiers e lo spettro è sempre quello del Covid-19: a risultare positivo agli ultimi test effettuati, alla partenza della seconda tappa del Tour de La Provence 2022 da Arles, è stato Richard Carapaz: il campione olimpico, vincitore della prova in linea a Tokyo 2020 e del Giro d’Italia 2019, dovrà abbandonare in anticipo la gara francese. Ora sono in molti a temere l’eventuale contagio. Elia Viviani, ha già effettuato il test, e fortunatamente è risultato negativo. La Locomotora del Carchi, dovrebbe essere l’unico a non prendere il via oggi, ma si attendono ulteriori aggiornamenti dall’entourage dello squadrone britannico.

Richard Carapaz positivo al Covid-19: il comunicato della Ineos-Grenadiers su Twitter

In base a quanto riportato da Velonews, da quanto riferiscono gli inviati alla corsa francese, Richard Carapaz non presentava sintomi. Ulteriori aggiornamenti nelle prossime ore. In allerta anche gli altri atleti del team britannico presenti al Tour de La Provence 2022, dove la Ineos finora ha dominato la corsa, vincendo il prologo e la prima tappa con SuperPippo Ganna e il “Profeta” Elia Viviani. Filippo Ganna, Luke Rowe, Salvatore Puccio ed Ethan Hayter sono per ora in allerta.

AGGIORNAMENTO: FILIPPO GANNA E GLI ALTRI SONO NEGATIVI E POSSONO PARTIRE PER LA SECONDA TAPPA DEL PROVENCE!

Quest’ultima positività al Covid-19 va ad aggiungersi a quelle di Juan Ayuso e Diego Ulissi dell’UAE Team Emirates che vi abbiamo riportato pochi minuti fa su quibicisport.it.

La tappa di oggi è lunga 181 chilometri, con partenza ad Arles e arrivo a Manosque: frazione sali e scendi: da scalare il Col de la Mort d’Imbert (5,8 chilometri al 3,9% di pendenza media) e il Col de l’Aire del Masco (6,6 km al 4,8%).