Tour of Antalya 2022, Malucelli vince la prima tappa: Mareczko 2° e Lonardi 4°

Malucelli, Mareckzo e Lauk sul podio della prima tappa del Tour of Antalya 2022 (foto: Gazprom-Rusvelo/ Tommaso Pelagalli/SprintCyclingAgency©2022)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il Tour of Antalya 2022 inizia nel segno dei corridori italiani. Ventesima vittoria in carriera per Matteo Malucelli della Gazprom-Rusvelo che nella prima tappa da Side ad Antalya di 144,5 chilometri, con un’ottima volata mette in riga tutti gli avversari. Battuti Jakub Mareczko dell’Alpecin-Fenix e Karl Patrick Lauk della Bingoal Pauwels Sauces WB. Quarto classificato Giovanni Lonardi della Bardiani-CSF-Faizané. Il punto sulla tappa, su quibicisport.

Tour of Antalya 2022, Malucelli vince la prima tappa e diventa anche leader della corsa

La corsa si installa subito su ritmi interessanti. Pronti, partenza e via e arrivano i primi attacchi. All’undicesimo chilometro si forma un drappello di cinque corridori che provano ad avvantaggiarsi rispetto al resto del gruppo: Trym Holther (Drone Hopper Androni), Benjamin Perry (Wiv SunGod), Bodi Del Grosso (Abloc), Giulio Masotto (Corratec) e Moritz Kretschy (Germania U23).

Mentre il quintetto guadagna all’incirca due minuti di vantaggio sul gruppo che viene selezionato dalle forti raffiche di vento, dalla Alpecin Fenix arriva il primo colpo di scena: Jay Vine, leader designato della squadra belga in ottica classifica generale, deve alzare bandiera bianca ed è costretto al ritiro, lasciando con in inferiorità numerica anche il treno di Jakub Mareczko.

Mareczko conquista lo sprint intermedio che assegna i punti validi per la maglia verde e nel frattempo anche la Giotti Victoria Savini Due, deve rinunciare a una pedina importante come Bogdan Pop. Finale all‘InonuCityPark: volatona in salsa italiana, trionfa il forlivese Matteo Malucelli, per questione di centimetri. Infatti, dopo qualche minuto di attesa per consultare il fotofinish i giudici decidono il verdetto finale: prima vittoria stagionale per lo sprinter della Gazprom-Rusvelo.