Pogacar ha avuto il Covid, il programma non cambia: debutto all’UAE Tour

Tadej Pogacar all'attacco al Giro di Lombardia 2021, in una foto d'archivio
Tempo di lettura: < 1 minuto

E dopo Kasper Asgreen ecco arrivare un’altra positiva eccellente al Covid-19. Si tratta di Tadej Pogacar, vincitore lo scorso anno – tra le tante – della Liegi-Bastogne-Liegi, del Tour de France e del Giro di Lombardia. Il campione sloveno, era stato tra i primi a ricevere il vaccino anti Coronavirus ed è risultato positivo la scorsa settimana. Oggi è arrivata la comunicazione dell’UAE Team Emirates, attraverso le parole del medico sociale della formazione emiratina. Il quadro della situazione su quibicisport.

Pogacar ha il Covid. Le parole di Adrian Rotunno, medico dell’UAE Team Emirates

Ecco le parole di Adrian Rotunno, medico sociale dell’UAE Team Emirates: «Tadej è risultato positivo la scorsa settimana al Covid con sintomi lievi – ha dichiarato il medico sociale del team Adrian Rotunno Come da linee guida, nell’interesse della sua salute e di quella pubblica, si è sottoposto ad isolamento fiduciario e a un periodo di riposo, prima di poter riprendere ad allenarsi lievemente. Attualmente deve ancora sottoporsi ad alcuni esami che possano dare nuova autorizzazione medica, ma dovrebbe essere sulla strada per riprendere la preparazione in vista della sua prima corsa stagionale».

Fortunatamente, il programma delle gare di “Pogi” non dovrebbe subire grandi scossoni. Il debutto è previsto, come sin dall’inizio, all’UAE Tour, gara d’apertura del World Tour in programma dal 20 al 26 febbraio, dove andrà a caccia della conferma come re della corsa, conquistata con grande autorità nel 2021.