Asgreen positivo al Covid: salta il Provence, Quick-Step al via con sei corridori

Kasper Asgreen in fuga alla Tirreno-Adriatico del 2021 (foto: Marco Alpozzi/LaPresse)
Tempo di lettura: 2 minuti

Wolfpack a ranghi ridotti per il Tour de La Provence. Kasper Asgreen, vincitore del Giro delle Fiandre 2021 e della E3 Saxo Bank Classic dello stesso anno, è risultato positivo al Covid-19. Il campione nazionale danese a cronometro, costringe quindi la Quick-Step-Alphavinyl a presentarsi a ranghi ridotti ai nastri di partenza del Tour de La Provence, in programma giovedì 10 gennaio, con la cronometro da Berre l’Etang a Berre l’Etang di 7.1 chilometri.

Come cambia quindi la formazione schierata dal team belga? I nomi confermati sono i seguenti: Julian Alaphilippe, Davide Ballerini, Dries Devenyns, Pieter Serry, oltre ai nuovi acquisti Ilan Van Wilder e Louis Vervaeke.

Ecco il comunicato ufficiale dello squadrone di Patrick Lefevere: “Purtroppo Kasper Asgreen non inizierà più la sua stagione al Tour de la Provence, dopo essere risultato positivo al Covid-19″, ha dichiarato QuickStep AlphaVinyl su Twitter. “Di conseguenza, la squadra inizierà la gara con sei corridori“.

Il danese era tra i corridori favoriti per la vittoria della crono d’apertura del Tour de La Provence, in cui la Quick-Step-Alphavinyl avrebbe di sicuro puntato, sin da subito, a conquistare la quinta posizione.

Di seguito il tweet pubblicato dalla Quick-Step Alpha Vinyl Team per ufficializzare la positività al Covid-19 del corridore danese e la conseguente rinuncia alla partecipazione al Tour de La Provence dove, per caratteristiche e voglia di preparare al meglio la stagione delle Classiche del Nord, Asgreen si sarebbe presentato come potenziale favorito non soltanto della crono iniziale, ma molto probabilmente anche di una delle tappe in linea proposte dalla breve corsa a tappe francese che così, di fatto, dovrà rinunciare a una delle pedine più preziose, valorose e importanti a propria disposizione, con l’auspicio di rivederlo in gruppo il prima possibile.

Non è il primo corridore a dover rinunciare al debutto stagionale dopo i casi nel Team BikeExchange, nella Jumbo-Visma e nel Team DSM.