Torna in Italia una Sei Giorni d’altissimo livello: in ballo Milano e Montichiari. Nei piani della Fci anche un’Academy di ciclismo su pista

Pista
Marco Villa con i ragazzi del quartetto al velodromo di Montichiari
Tempo di lettura: < 1 minuto

Una bella novità sta per investire il nostro ciclismo su pista! Secondo quanto riportato questa mattina dalla Gazzetta dello Sport infatti, l’Italia potrebbe tornare ad avere un’altra Sei Giorni di altissimo livello che andrebbe ad affiancarsi a quella delle Rose che si svolge nel velodromo di Fiorenzuola.

La Federazione sta lavorando con l’Uci per definire la data precisa e il luogo dell’evento. Due le possibilità sul tavolo: interessante la proposta del Palazzo delle Scintille di Milano, attualmente utilizzato come hub vaccinale. Resta alla porta il velodromo di Montichiari (fermo per lavori in queste settimane), sede di allenamento dei ragazzi e delle ragazze della nazionale della pista.

Come spiega il presidente federale Cordiano Dagnoni, nei prossimi giorni sono previsti alcuni incontri decisivi con la regione Lombardia e la sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali per decidere il tutto.

Non solo la Sei Giorni. La FCI è al lavoro anche per la realizzazione di un’Academy di ciclismo a Montichiari con il possibile utilizzo dei fondi del PNRR, per dare continuità al progetto “pista” che tante soddisfazioni ha regalato all’Italia in questi ultimi anni.