Matthews mette alle spalle un anno difficile: «Devo tornare a divertirmi in bici, così è pesante»

Michael Matthews del team BikeExchange al Tour de France 2021 (foto: A.S.O./PaulineBallet)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Che fine ha fatto Michael Matthews? L’australiano della BikeExchange ormai da qualche anno non riesce più a ripetere i grandi risultati di inizio carriera, quando al Giro d’Italia vestì per sette giorni la maglia rosa e al Tour de France fu capace di vincere tre tappe.

Nel 2021 Matthews non ha mai alzato le braccia al cielo, pur sfiorando la vittoria nella tappa di apertura del Tour, chiudendo alle spalle di Julian Alaphilippe. L’australiano, intervistato dalla rivista Procycling, ha provato a spiegare questo suo anno molto difficile, attribuendo la “colpa” dei mancati risultati innanzitutto alla perdita del divertimento.

Michael Matthews vuole tornare a divertirsi in bici, dopo un anno difficile

«Non mento, è stato un anno davvero difficile, ricco di alti e bassi. Con la squadra avevamo pianificato la stagione, ma probabilmente abbiamo esagerato con le analisi, con i dati, con le tattiche e cose simili. Insomma, era diventato pesante. Credo che per sbloccarmi devo solamente tornare a divertirmi in bici».

«Solitamente a inizio stagione riesco a centrare una o due vittorie, ed è più semplice restare al top acquisendo sicurezza. Nei primi mesi del 2021 stavo bene fisicamente, ma c’era qualcosa che non andava nella testa. Poi tra stress e paura di non vincere non sono riuscito a fare nulla»

«Tornare alla BikeExchange era esattamente quello di cui avevo bisogno, però per dimostrare che avevano fatto bene a riprendermi, ho esagerato. Però nel 2022 le cose andranno diversamente».