La delusione di Rota: «Difficile dire come mi sento, potevamo giocarci la vittoria»

Rota
Lorenzo Rota in azione alla Tirreno-Adriatico 2021.
Tempo di lettura: < 1 minuto

Lorenzo Rota si è ritagliato ieri una giornata da grande protagonista alla Clasica San Sebastian. Avvantaggiatosi in discesa quando mancavano ancora più di 35 chilometri al traguardo, il ventiseienne della Intermarché-Wanty-Gobert era pronto a giocarsi la vittoria allo sprint contro Honoré, Mohoric e Powless.

Quando tutto sembrava volgere per il meglio, ecco che Rota finisce a terra. Un errore di Mohoric ha infatti causato la caduta di Honoré, la sfortuna ha voluto che la bicicletta del danese toccasse la ruota posteriore di quella di Rota, facendolo scivolare. Per il bergamasco nulla da fare, quarto posto e tanta delusione.

«Difficile dire come mi sento. Avevamo fatto tutto alla perfezione, eravamo lì a giocarci la vittoria in una corsa così importante e tutto è volato via. Dispiace perché la caduta non è dovuta a un mio errore ma alla sfortuna. Non potevo evitare la bici di Honoré.

«Ora si vola in Polonia. Voglio essere ancora una volta protagonista, io e la squadra correremo all’attacco per centrare una vittoria che meritiamo. Non farò la Vuelta, dopo il Giro di Polonia riposerò per preparare al meglio le classiche italiane di fine stagione».