Evenepoel, dalle Olimpiadi sottotono ai prossimi obiettivi, parla Lefevere: «Deve correre il più possibile»

Remco Evenepoel in una foto d'archivio al Giro d'Italia 2021. Il belga è uno dei favoriti odierni
Tempo di lettura: < 1 minuto

«Remco Evenepoel tornerà al Giro di Lombardia». Con queste poche e semplici parole, il team manager della Deceuninck-QuickStep, Patrick Lefevere, annuncia che il giovane corridore belga parteciperà alla Monumento che quasi un anno fa lo vide precipitare giù da un burrone.

Evenepoel, di ritorno dalle Olimpiadi di Tokyo proprio in questi giorni, non parteciperà alla Vuelta di Spagna come si pensava inizialmente, ma lo vedremo spesso al via delle classiche di fine stagione. «Remco ha solo 27 giorni di gara – spiega Lefevere – quindi deve mettere altri chilometri nelle gambe in questa stagione per preparare al meglio il 2022».

Rivedremo Evenepoel in gara il 10 agosto al Giro di Danimarca, prima dell’Overijse, la classica di Bruxelles, il Giro del Benelux, i Mondiali nelle Fiandre e, come detto precedentemente, il Giro di Lombardia. Proprio la Monumento chiuderà la stagione del ritorno del belga.

Alle Olimpiadi di Tokyo, dopo una prova in linea sottotono, ha preso parte alla cronometro individuale chiudendo con un buon, ma non eccezionale, nono posto. «Ai Mondiali del 2019 – continua Lefevere – Evenepoel è arrivato 2° a 1’09” da Dennis. Ieri ha perso 1’13” sempre dall’australiano, tempi simili. Non dimentichiamoci che sei mesi fa era ancora in riabilitazione. Non cerco scuse, ma bisogna guardare a queste cose».