Sidi e Colpack in trionfo al Giro d’Italia U23 con Ayuso

Ayuso
La gioia di Juan Ayuso sul traguardo di Campomoro al Giro d'Italia U23 (foto: Rodella)
Tempo di lettura: 2 minuti

A distanza di due settimane, la famiglia Sidi festeggia una prestigiosa doppietta al Giro d’Italia, questa volta nella categoria giovanile Under 23. Al Giro Baby trionfa il team Colpack Ballan con la giovane promessa del ciclismo internazionale Juan Ayuso che entra nella storia come primo atleta spagnolo a scrivere il proprio nome sull’albo d’oro della competizione. 

Come azienda siamo naturalmente proiettati al futuro e il ciclismo giovanile rappresenta il domani di questo sport facendo crescere i nuovi campioni. Stare al fianco della Colpack Ballan ci rende parte di questo processo in quanto sentiamo la necessità di essere vicini anche a questo mondo. Con loro abbiamo un rapporto che dura da due anni ed è davvero importante per noi. I feedback che riceviamo sono ciò che ci fa sviluppare prodotti sempre più performanti. Siamo felici di avere dato il nostro contributo a questa importante vittoria che è il coronamento di un grande lavoro di squadra.’ spiega Rosella Signori.

Sidi+Colpack Ballan: con Ayuso che trionfo!

Il team bergamasco, che indossa le scarpe dell’azienda di Dino Signori – in particolare i modelli Shot 2 e Wire 2 – è una realtà molto importante nel panorama dilettantistico e si era avvicinata al Giro – uno degli appuntamenti clou della stagione – con motivazione, grinta e un roster di ragazzi promettenti. Le loro sfavillanti performance sono cominciate già dal secondo giorno di gara, con la vittoria di tappa e la maglia rosa, persa qualche giorno dopo e abilmente riconquistata. Nel frattempo Filippo Baroncini vince la cronometro individuale Sorbolo Mezzani-Guastalla e il giorno successivo Ayuso trionfa a Sestola, riprende la maglia e con lo show in solitaria a Lago di Campo Moro si conferma leader della GC. 

Sul podio a Castelfranco Veneto, la squadra diretta da Antonio Bevilacqua ha chiuso i dieci giorni di Giro aggiudicandosi la maglia rosa, quella verde dedicata al Gran Premio della Montagna, la bianca di miglior giovane, la multicolore della classifica combinata e un ottimo sesto posto in classifica generale di Alessandro Verre.

Una serie di successi che confermano l’importanza della squadra nel raggiungimento degli obiettivi, perfettamente in linea con la filosofia Sidi