Ulissi e Gianetti falsi positivi: la UAE spera di essere alla Liegi

Andrea Agostini e Mauro Gianetti, poco prima del via della Strade Bianche
Tempo di lettura: 2 minuti

È stato un falso allarme quello scattato in casa UAE Team Emirates per il Covid. Infatti il manager Mauro Gianetti (già vaccinato) ed il capitano, Diego Ulissi, sono risultati negativi a tutti i controlli (rapidi e molecolari) effettuati subito dopo la positività che ha impedito alla squadra di schierarsi al via della Freccia Vallone. I due non hanno mai accusato alcun sintomo.

Ulissi e la UAE, addio alla Freccia: grandissima frustrazione nel team

«Grandissima la frustrazione all’interno della squadra – ci ha raccontato Andrea Agostini, capo delle relazioni esterne della UAE Team Emiratesper una esclusione ritenuta ingiusta ed immeritata, ma inevitabile per la legge belga che richiede una certificazione per la falsa positività che chiedeva dei tempi in compatibili con la partenza alla Freccia».
Come ha raccontato Andrea Agostini, la positività al controllo aveva destato perplessità fin dall’inizio. I due infatti avevano effettuato diversi test alla vigilia della gara (sei giorni prima e tre giorni prima, come da regolamento Uci) risultando negativi. Il sabato, al loro arrivo in Belgio, erano risultati ancora negativi.

Il futuro

Lunedì, all’arrivo degli altri corridori, Ulissi e Gianetti sono risultati incredibilmente positivi. A questo punto si è deciso di sottoporli immediatamente per due volte al tampone antigienico e di effettuare anche un test molecolare. Tutti con esito negativo.
Un altro test molecolare negativo è stato effettuato dai due mercoledì mattina prima di rientrare in Italia (Ulissi aveva previsto di correre solo la Freccia perché sarà poi al Romandia), anch’esso negativo.
Appare dunque evidente che si è trattato di una falsa positività, ma la legge belga prevede che la cosa debba essere certificata da un laboratorio specializzato e, in assenza di questo documento, Diego non ha potuto correre.
La squadra è rimasta con la speranza però di poter correre la Liegi-Bastogne-Liegi che si corre domenica prossima, 25 aprile, e “vendicare” con un risultato “importante” la sofferta esclusione.