Arrivo in… parata: ma a voi piace così o preferite il duello fratricida?

L'arrivo in parata tra Michal Kwiatkowski e Richard Carapaz nello scorso Tour de France Foto A.S.O./Pauline Ballet
Tempo di lettura: < 1 minuto

Abbracci, pacche sulle spalle, sorrisi: l’arrivo della quinta tappa del Giro di Paesi Baschi 2021 diventa una passerella per gli atleti della Deceuninck Quick-Step Mikkel Honoré e Josef Cerny. Un lieto fine per la squadra, che però accende un dibattito vecchio: giusto lasciarsi andare alla sportività anche tra compagni di team o la corsa è corsa e ogni pietà è morta?

Nelle ultime due occasioni, gli arrivi tra ciclisti della stessa formazione si sono conclusi senza una vera e propria volata. Oltre al caso Deceuninck, c’è anche il precedente della Ineos Grenadiers al Tour de France. È capitato, però, che tra compagni di squadra ci fosse almeno una sorta di volata a fare da spareggio, come tra Paolo Bettini e Stefano Garzelli alla Liegi 2002. Voi da che parte state? Ditecelo sulla pagina Facebook di Bicisport.