Thomas in scadenza di contratto: la Ineos riflette sul rinnovo del gallese

Geraint Thomas sofferente nella scalata all'Etna al Giro d'Italia 2020.
Tempo di lettura: < 1 minuto

Mikel Landa, Wout Poels, Richie Porte. I precedenti non sono rassicuranti. Andarsene dalla Ineos per provare a vincere un Grande Giro e trovare fortuna su altri lidi rappresenta un clamoroso harakiri. Geraint Thomas ha un contratto con il Dream Team britannico in scadenza a fine 2021. E il Daily Mail lancia in orbita i primi spoiler sul ciclomercato che verrà alla corte inglese.

Geraint Thomas: il contratto con la Ineos scade nel 2021, i possibili scenari

Dopo aver rivelato i piani dei Grandi Giri con i diversi capitani designati – Egan Bernal al Giro d’Italia, Geraint Thomas al Tour de France e la new entry Adam Yates alla Vuelta a España, il prossimo nodo da sciogliere sarà il futuro del campione gallese all’interno della squadra. Il 34enne di Cardiff, ha firmato per l’ultima volta un contratto con la Ineos Grenadiers nel 2018, dopo il trionfo al Tour de France e Brailsford sembrerebbe intenzionato a chiudere insieme questa magnifica storia per poi chissà, in futuro, ricoprire un ruolo all’interno dello staff tecnico dei granatieri.

Il general manager della Ineos è stato chiaro: «Stiamo discutendo sul rinnovo del contratto. Geraint è stato un corridore molto importante per noi sin dall’inizio ed è un corridore molto influente nel gruppo-squadra e un grande modello da seguire. Vorremmo sicuramente che concluda la sua carriera con noi». Thomas, simbolo dell’epopea vincente della Sky poi diventata Ineos, ha vinto oltre al Tour anche al Critérium du Dauphiné, alla Parigi-Nizza e all’E3 Harelbeke, tra i tanti successi ottenuti. Vedremo se la storia continuerà e si chiuderà con un bel lieto fine.